Transland 2011 – Viaggi 4×4 in Marocco con Amada Aventure

Land Rover è da sempre sinonimo di avventura e di viaggi in condizioni particolari; gli appassionati di questo marchio, sparsi in ogni angolo del mondo, sono innumerevoli ed il loro amore per questo fuoristrada è incondizionato e nulla potrebbe fargli cambiare idea. Le occasioni di incontro per i possessori di questi leggendari 4×4 sono ormai innumerevoli ma una su tutte è davvero particolare ed interessante perché riesce a far convivere in se le innumerevoli sfaccettature di questa passione: spirito di gruppo, voglia di praticare fuoristrada, desiderio di avventura ed infine amore per i viaggi ed in particolare quelli africani. L’evento di cui stiamo parlando si chiama Transland ed è organizzato dalla francese Amada Aventure.

Questo viaggio, dedicato esclusivamente ai 4×4 di casa britannica, è giunto alla sua terza edizione e dopo le prime due spedizioni tunisine, l’organizzazione d’Oltre Alpe ha rivolto la sua attenzione al Marocco, spinta anche dalla particolare situazione politica della Tunisia e delle Libia. Ben 80 equipaggi, per la maggior parte francesi ma anche svizzeri, spagnoli e belgi, si sono dati appuntamento il 21 aprile a Barcellona per imbarcarsi sulla nave Majestic che li ha traportati a Tanger da dove è iniziata questa incredibile ed affascinante avventura.

Dominique Rosset, patron di Amada Aventure, ha gestito, coadiuvato da un numeroso staff, questa esperienza con grande maestria; per garantire a tutti i partecipanti il massimo del divertimento e la più completa sicurezza ha formato tre gruppi di viaggiatori suddivisi in base all’esperienza di guida ed alla preparazione del veicolo. I “raiders”, ovvero i più esperti, erano quelli che partivano al mattino per primi e che macinavano più chilometri; sotto la supervisione dell’esperta guida Jean-Charles Poulat seguivano un impegnativo percorso riservato esclusivamente a loro.
Il gruppo “randonnee 2”, il più numeroso, viaggiava lungo un percorso più semplice e con dei tempi di percorrenza meno tirati senza disdegnare però alcuni tratti di guida più difficile. In fine abbiamo la carovana dei “randonnee 1”, con mezzi di serie e con poca o nessuna esperienza di viaggi africani, che utilizzavano le piste più semplici e si dedicavano molto di più all’aspetto turistico del viaggio, senza tralasciare però il battesimo della sabbia seguendo i preziosi consigli delle guide di Amada.

Quello che più ci ha impressionato di questa Transland, oltre ai paesaggi del Marocco che sono veramente incantevoli ed offrono una moltitudine infinita di scorci sempre diversi l’uno dall’altro, è il pieno senso di libertà che i partecipanti hanno potuto respirare grazie alla metodologia di viaggio intrapresa dagli organizzatori: ad ogni equipaggio veniva consegnato giornalmente il road book della tappa con tutti i punti GPS da seguire e con i way point di controllo, in modo che ognuno potesse vivere questa esperienza in piena autonomia; era comunque obbligatorio viaggiare in gruppi di tre fuoristrada per sopperire ad ogni inconveniente in attesa delle auto scopa che si preoccupavano che tutti arrivassero senza problemi a fine percorso.
Dopo otto fantastici giorni e 2490 km che hanno svelato un Marocco unico ed affascinante, tutti i partecipanti hanno confessato di aver veramente apprezzato questa esperienza ed hanno chiesto di ripetere il prossimo anno questa entusiasmante avventura con la medesima destinazione.

Da parte nostra ci sentiamo vivamente di consigliare questo viaggio a tutti i fuoristradisti italiani che posseggono un Land Rover, sia esso un Defender, un Range Rover, un Freelander o un Discovery; noi di Quattroxquattro ci saremo e vi assicuriamo che l’aria che si respira alla Transland è in piena sintonia con lo spirito di vita che anima ogni “landista”.

 

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Carica altre foto

Grecia in Fuoristrada – Off Road sulla vetta degli DEI

Viaggio avventura alla scoperta di alcuni dei più suggestivi angoli dell’antica Grecia per una settimana off road in compagnia degli amici di Desert Experience
Per la mitologia greca, l’Olimpo, con le sue imponenti vette perennemente avvolte in una coltre di nubi e foschia, ospitava la dimora di Zeus e degli dei costruite da Efesto, divinità del fuoco e della tecnologia. Con i suoi versanti boscosi e di facile accesso a sud e con le vallate scoscese e i ripidi precipizi a nord, il maestoso monte greco fa parte dal 1938 di un’area protetta, ora anche parco nazionale, dove foreste di pino, faggio e piante sempreverdi occupano una superficie di 120 chilometri quadrati. Questa è solo una delle tante bellezze del territorio greco che annovera paesaggi selvaggi e incontaminati, città dal glorioso passato e siti archeologici in un perfetto mix fra arte, storia e natura. Sterrati, trazzere di montagna e piste attraverso praterie e torrenti hanno reso questo paese una delle mete turistiche più apprezzate non solo da chi vive di cultura greca ma anche dai tanti appassionati di trekking e sport outdoor. E per gli amanti del fuoristrada? Nulla di meglio che un tour 4×4 alla scoperta degli angoli più nascosti della Grecia per osservare un’alba dal monte Olimpo, immergersi nella natura più selvaggia a quattro ruote motrici e assaporare le specialità della gastronomia locale in quel ristorantino dove ci si arriva solo con le ridotte inserite. Ecco allora l’avventura off road di un gruppo di 4×4 – una Toyota HDJ80, due HZJ73, una KZJ90, una KZJ95, una FJ, una Pajero, una Wrangler e un Patrol GR – che in compagnia degli amici di Desert Experience (www.desertexperience.it) hanno attraversato in lungo e in largo il territorio degli dei. Fra una tappa a Filippi, Kavala e Ioannina ma anche Meteora, luogo dalla bellezza straordinaria – tanto da diventare location di “Agente 007 Solo per i tuoi Occhi” con Roger Moore – il reportage di questo appassionante viaggio a quattro ruote motrici. Da leggere tutto d’un fiato!
Da Igoumenitsa al Monte Olimpo: off road sulla vetta degli dei… 
Sbarcati al porto di Igoumenitsa, dopo l’imbarco a Bari, ha inizio l’avventura nella regione dell’Epiro. Un veloce trasferimento in autostrada accompagna il gruppo 4×4 al sito archeologico di Dodona dove si può curiosare fra le rovine dello stadio del 3° secolo a.C. e il teatro, uno dei più ampi e meglio conservati di tutta la Grecia antica. Ad attendere equipaggi e fuoristrada sono ora le Grotte di Perama che, lunghe poco più di 1 chilometro, si estendono su una superficie di poco meno di 15 mila metri quadrati. Dalle pareti di queste caverne l’acqua che sgorga permette la formazione di stalagmiti e stalattiti dalle forme più eccentriche vivacizzate da sfumature cromatiche a dir poco bizzarre. Uno spettacolo della natura da non perdere! Il raid prosegue a nord, verso i confini con l’Albania, attraverso i tipici villaggi della regione della Zagoria: questo altopiano di foreste – con conifere, roveri e castagni – e pascoli preserva ancora (per fortuna) la tradizionale architettura abitativa di un tempo e basta osservare le case dai tetti in pietra per rendersene conto.

Si raggiunge poi il parco nazionale di Vikos-Aoos dove una visita la meritano le famose gole di Vikos. Lasciate per un momento le fuoristrada, ci si avventura in un emozionante percorso trekking che accompagna ad un piccolo monastero abbarbicato sulle rocce…un panorama davvero mozzafiato quello offerto sulle gole dalla vertiginosa altezza di mille metri! Ripresa la strada si raggiunge facilmente Metsovo, graziosa cittadina immersa fra maestose montagne con foreste di faggi e abeti, rinomata per vino, formaggi e artigianato in legno. Il tour 4×4 approda in Tessaglia: percorrendo panoramici sterrati e trazzere di montagna le fuoristrada arrivano sino a Meteora. Sopra la valle del Pinios e la città di Kalambaka si rimane affascinati da una foresta di rocce di colore grigiastro. Proprio sulla sommità di queste vertiginose guglie trovano dimora i celebri monasteri cenobitici, le cosiddette Meteore, che tradotto dal greco significa “sospeso nell’aria”. Nulla di più indicato poteva essere scelto per descrivere questi luoghi. Centro santo del monachesimo ortodosso, Meteora è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità: dei 24 monasteri costruiti fra i secoli XV° e XVI° , oggi solo 6 sono ancora abitati. In passato l’accesso a queste fortezze religiose era possibile solo grazie a scale di corda o ceste sospese a corde issate dall’alto con argani. Oggi scalinate scavate nella roccia permettono ai visitatori di accedervi più agevolmente. Una sosta di qualche ora per raggiungere i monasteri e ammirarne bellezza e maestosità vale da sola il viaggio in Grecia! La seconda giornata del tour si conclude con il campo tendato allestito ai piedi del monte Olimpo dove ammirare l’alba la mattina successiva è una sensazione a dir poco straordinaria. Dimora di Zeus e degli dei, l’Olimpo misterioso, sempre avvolto fra nubi e foschia, è articolato in un complesso massiccio montuoso con ben 9 cime che svettano sopra i 2600 metri. Parco naturale frequentato da alpinisti ed escursionisti, grazie alle piste di montagna immerse nel verde, può essere anche costeggiato dalle fuoristrada ad un’altitudine di circa 1500 metri. Sul versante settentrionale si estende la fertile pianura della Pieria con le sue immense piantagioni di tabacco: da qui il GPS indica nord in direzione di Vergina, antica capitale della Macedonia, oggi sito archeologico di grande interesse per la presenza del Tumulo Reale del IV° secolo a.c. riportato alla luce nel 1977. Ultimata anche questa visita, si imbocca una comoda autostrada che porta velocemente a Salonicco, seconda città e porto del paese, che ospita chiese e musei. Mentre si passeggia sul lungomare, una sosta in uno dei tanti ristoranti tipici di questo angolo di Grecia per assaggiarne alcune delle specialità gastronomiche è assolutamente consigliata. Feta, olive nere e un buon bicchiere di vino bianco aromatizzato alla resina.

Kavala, Edessa e Ioannina, tre perle della Grecia

La nuova tappa del tour 4×4 conduce a Kavala, cittadina animata e fra le più pittoresche sin’ora incontrate, dove a seguito della dominazione turca dal 1380 al 1913 si respira ancora un’atmosfera orientale. Disposta ad anfiteatro in fondo ad una baia, Kavala, nell’antichità il porto di Filippi, è oggi centro dell’industria e dell’esportazione del tabacco macedone. Quattro passi fra la città vecchia, abbarbicata al promontorio roccioso, e il quartiere moderno, che si estende a ovest lungo il porto, prima di raggiungere Filippi, sito archeologico di grande interesse dove meritano una visita i resti del teatro, la basilica, l’atrio e il foro. Con le fuoristrada ci si dirige poi a nord verso i confini con la Bulgaria: questa zona della Grecia è caratterizzata da un’importante catena montuosa, quella dei monti Rodopi, che si espande lungo la regione amministrativa della Macedonia orientale e della Tracia. Il territorio, coperto da antiche foreste, è perfetto per fare off road attraverso boschi di conifere, pini e abeti dalle altezze vertiginose. Siamo nella prefettura di Drama dove le fuoristrada attraversano la Virgin Forest, Frakto Forest e Elatia Forest, habitat naturale per orsi, linci e caprioli. Proseguendo con percorsi off road immersi nella natura incontaminata lungo il confine bulgaro, si arriva a Serres, grazioso paesino tradizionale, che accoglie per una breve visita prima di raggiungere Edessa. Posizionata sull’orlo di un pianoro che domina la piana macedone, in antichità Edessa fu una delle principali piazzeforti della Macedonia. Conosciuta soprattutto per la bellezza del sito archeologico, al centro di questa città, sotto un giardino pubblico coperto da platani secolari, si trovano le imponenti cascate che cadono da un’altezza di 25 metri lungo una rupe dalla vegetazione rigogliosa. Il viaggio 4×4 riprende in direzione di Loutra Loutrakiou, stazione termale ai piedi del monte Voras che con i suoi 2500 metri segna il confine con la Bulgaria. L’avventura a trazione integrale accompagna ora attraverso sterrati e piste montagnose che permettono di addentrarsi proprio nell’area del monte Voras, importante ecosistema con paesaggi montani, boschi caducifogli, foreste di conifere, torrenti e praterie alpine. Grazie a queste trazzere, il tour prosegue alla scoperta di aree naturali protette dove gli incontri con animali e natura selvaggia lasciano senza parole. Dopo aver guadato qualche torrente e costeggiato laghi incastonati fra alberi con chiome dalle mille sfumature, si raggiunge Kastoria. La cittadina, raccolta alla base di una penisola che si protende nelle acque del pittoresco lago Orestiada, porta i segni di un passato volto verso i Balcani e l’Europa centrale. Capitale della pellicceria da oltre 500 anni (la materia prima viene importata dall’America del nord e dalla Scandinavia), vanta un enorme patrimonio artistico per via delle 54 chiese bizantine e medievali. Con il percorso on road verso Ioannina, cittadina moderna e dinamica sulle rive del lago Pavmotis, il tour alla scoperta delle Grecia volge ormai alla fine. La città – dominata dai turchi sino al 1913 – conserva ancora alcune strutture artistiche e architettoniche risalenti proprio al periodo ottomano fra cui una moschea, i resti di una scuola coranica e un bazar mentre su una piccola isola del lago sorgono alcuni monasteri ortodossi. L’avventura si conclude al porto di Igoumenitsa, importante crocevia delle rotte marittime fra Italia, penisola ellenica, Turchia e Bulgaria, da dove gli equipaggi si imbarcano alla volta di Bari. L’avventura a trazione integrale in terra ellenica è stata una delle più emozionanti fra quelle raccontate sulle pagine di Suv & Fuoristrada. Sarà per la bellezza incontaminata di paesaggi ancora pressoché sconosciuti o per quel tuffo nel passato che si respira passeggiando fra le rovine dell’antica Grecia, certo è che fare off road sull’Olimpo, fra gli sguardi incuriositi di Zeus & c., non è da tutti! Se poi ci aggiungiamo che in alcune delle sterrate protagoniste ci è passato anche Roger Moore…

[toggle title=”APPUNTI DI VIAGGIO“]

Forma di governo: Repubblica Parlamentare 
Capitale: Atene 
Superficie: 131.940 chilometri quadrati 
Lingua: Greco 
Religione: Cristiana Ortodossa, minoranze musulmane e cattoliche. 
Valuta: Euro

Storia: La storia della Grecia ha plasmato la conformazione politico sociale di tutto il Mediterraneo e non solo. I primi insediamenti umani risalgono all’era paleolitica mentre le prime grandi civiltà si distinsero attorno al secondo millennio a.C. Se la civiltà minoica ebbe il suo massimo fiorire durante l’Età del Bronzo per poi scomparire misteriosamente, quella micenea (o Egea) si concentra attorno al 1500-1150 a.C. nell’area del Peloponneso e prende il nome da Micene, antica città scoperta nel 1872 da Schliemann, il cui nome rimarrà per sempre legato alla leggendaria città di Troia. Il periodo classico rappresenta l’era più fiorente della storia greca antica che inizia con la prima Olimpiade nel 776 a.C. e finisce con la morte di Alessandro Magno. Al periodo di dominazione romana (giunti in questi territori nel 146 a.C.) si contrappone quello bizantino e successivamente quello ottomano. In Grecia i turchi vi rimasero per 4 secoli sino al 1821. Qualche anno più tardi, dopo la guerra d’indipendenza dall’impero ottomano, ha inizio la storia moderna della Grecia caratterizzata dall’instaurazione della monarchia sino al 1924 e poi nuovamente dal 1935 al 1974 prima di lasciare il posto, dopo sette anni di dittatura da parte della Giunta militare anticomunista, all’attuale Repubblica Greca.

Geografia: Formata dalla parte continentale più meridionale della penisola balcanica (che si espande verso sud abbracciata da Mar Egeo e Ionio) e da quella del Peloponneso (separata dal resto del continente dall’istmo e dal canale di Corinto, oltre che da più di 1500 isole fra cui Creta, Eubea, Lesbo, Chio, le Cicladi e le Ionie, la Grecia è il dodicesimo stato al mondo per estensione costiera con oltre 13 mila km di litorale. L’80% del territorio è costituito da montagne e colline tanto da essere fra i paesi europei più montuosi: il monte Olimpo, luogo importante della cultura ellenica, è alto 2917 metri ed è la vetta più alta del paese. Se la parte occidentale del territorio è caratterizzato da laghi e dalla catena montuosa del Pindo che ospita gole, canyon e formazioni come le impressionanti Meteore (rocce alte centinaia di metri), quella nord orientale è sovrastata dai monti Rodopi che si espandono lungo la regione della Macedonia orientale e la Tracia, area coperta da antiche foreste (fra cui quella di Dadia). Le grandi pianure si trovano nella Tessaglia e nella Macedonia centrale mentre i principali fiumi scorrono nelle regioni al centro nord della Grecia.

Gastronomia: La cucina greca, con la sua tradizione gastronomica plurisecolare, è caratterizzata principalmente dagli influssi dell’area mediterranea anche se non mancano piatti con carne di agnello, montone e maiale. Lungo le zone costiere e insulari è invece il pesce a far parte dei piatti tradizionali più importanti. Fra le specialità conosciute anche dal turismo internazionale ci sono il “moussaka”(una sorta di melanzane alla parmigiana condite con ricco ragù di carne), l’insalata greca (a base di pomodoro, cipolla, olive nere, formaggio feta e origano), la “spanokopita” (con spinaci), i “ghemistà” (pomodori e peperoni ripieni di riso, carne macinata e spezie). Altri piatti della cucina greca particolarmente apprezzati sono la “skordalia” (purè di patate con noci, mandorle, aglio e olio d’oliva), lo “tzatziki” (yogurt, cetrioli, anice, aglio e olio d’oliva), il polpo grigliato, i “dolmades” (involtini di riso in foglia di vite), le olive (quelle di Kalamata sono fra le più famose al mondo) e vari formaggi regionali come la feta spesso serviti con un pizzico di origano e un filo di olio d’oliva. Altre specialità, fra cui la zuppa di lenticchie e il pasteli (una barretta di sesamo e miele), risalgono addirittura all’antica Grecia. Ottimi anche i dolci fra cui il “galaktoboureko” a base di latte, uova, zucchero e pasta phyllo; lo yogurt con miele e noci; il “baklava” e il “kadaifi” con ingredienti della tradizione mediorientale. Fra le bevande, il vino è sicuramente il più apprezzato. Ce ne sono moltissime varietà sia di rosso che di bianco anche se il più famoso è il “retsina”, un bianco aromatizzato con la resina di pino prodotto principalmente nella regione dell’Attica. Non mancano poi l’”ouzo” aromatizzato all’anice; il “metaxa”, brandy molto famoso; il caffè frappè inventato in Grecia nel 1957 per caso da Dimitrios Vakondios.

Acquisti: Artigianato e specialità alimentari sono fra gli acquisti più apprezzati dai turisti. Anche nei paesi più sperduti si potrà scegliere fra terrecotte, ceramiche, tappeti e tessuti fatti a mano, ricami e pizzi, tappeti di lana a pelo lungo, spugne, gioielli (celebri quelli di Ioannina oltre a quelli dell’Epiro e della Macedonia), oggetti in legno, sculture in marmo e onice, riproduzioni di icone. Da non dimenticare neppure le sedie intarsiate dell’isola di Skiros, gli stivali in cuoio di Creta e il famoso rosario greco “komboloi” presente in tutte le botteghe. E, perché no, anche qualche gustosa specialità come miele, marmellate di fichi e ciliegie, dolci e pistacchi, vino resinato e “raki”, una grappa bianca delicata.

Flora e fauna: Grazie ai tipici influssi dell’area mediterranea, flora e fauna della Grecia riflettono la posizione geologica del territorio. Agrumeti, oliveti, melograni, fichi, vigneti e flora alpina nei rilievi sono solo alcune delle migliaia di specie più presenti (di cui 685 endemiche). Particolarmente ricca anche la fauna greca che vanta animali rari fra cui la capra selvatica dell’isola di Creta (l’Agrimo) e le foche monache. Da non dimenticare neppure la presenza di Porifere, la comune spugna di mare.[/toggle]

 

visualizza articolo completo e gallery fotografica  [button size=”small” color=”blue” style=”tick” new_window=”true” link=”http://www.offroadweb.it/viaggi_4x4/viaggio_4x4_grecia_2011/index.html”]Photo On line[/button]

 

 Clicca qui per il reportage fotografico completo

Viaggio Off Road Kenya 2011 in viaggio con Off Road Safari Academy


Viaggio Off Road Kenya 2011 – Testo e Foto Sonja Vietto Ramus

 

 

 

 


In lingua swahili “safari” significa viaggio, uno di quelli fra paesaggi senza tempo alla scoperta di specie animali e abitudini di vita in perfetta armonia con il lento scorrere del tempo e i ritmi della natura africana. Uno scenario, offerto dal Kenya, in cui il viaggiatore che desidera sentirsi non solo spettatore ma anche protagonista di un’avventura da vivere e raccontare può partecipare ad una scuola di guida 4×4 fra terre incontaminate e piste poco battute dove prove tecniche si alternano a lunghe escursioni diurne (e notturne) su tracciati off road nella savana e sulla spiaggia. E’ proprio a questo che si ispira l’Off Road Safari Academy, la prima scuola keniota di guida in fuoristrada creata da Marco Vancini (titolare del Malindi Key’s Group di cui fanno parte Coral Key Beach Resort, Lawford’s, Blue Key Beach Club, Kivulini Ocean Resort, Tsavo Buffalo Camp, Tsavo River Hill e Tana River Lodge), e gestita dall’amico Domenico Bonaglia (esperto meccanico in scuderie di Formula Uno), entrambi grandi appassionati di off road e Africa che del Kenya si sono innamorati a prima vista vent’anni fa. Un viaggio a trazione integrale – proposto in questo reportage fotografico – che dai parchi naturali accompagna alle immense spiagge dai riflessi dorati attraverso fiumi popolati da coccodrilli e ippopotami alla scoperta di bianchi atolli di sabbia che appaiono con la bassa marea. E’ il Coral Key, con i suoi bungalow dai tetti in makuti immersi in un giardino tropicale che si affaccia sull’oceano Indiano, a fare da cornice a questa avventura in 4×4. Basta parlare di safari e natura selvaggia per capire che il protagonista è il Kenya, in particolare lo Tsavo, che con i suoi 22 mila chilometri quadrati di superficie è il parco naturale più grande del paese. Lì nella terra dei “Big Five”, dove giraffe, elefanti e altri animali selvatici sono di casa, si svolgono le lezioni dell’Off Road Safari Academy.

I veicoli messi a disposizione per il corso a quattro ruote motrici sono quattro Toyota Land Cruiser 3.8 diesel a sei cilindri, modificati ad hoc da Domenico, istruttore dell’accademia di guida off road, ed equipaggiati per ospitare sino a sei passeggeri (oltre al conducente).

A completare il parco auto della scuola di guida made in Italy ci sono un camion Canter 5.0 cc, a quattro cilindri, con 13 posti per i passeggeri ed un pulmino, il “Pumba Truck”, un Isuzu 3.5 cc diesel a 4 cilindri con 8 posti. I Toyota allestiti con verricello e cavo d’acciaio, gomme tassellate e rice trasmittente CB e dotati di differenziale autobloccante all’anteriore e blocco manuale al posteriore, estremamente spartani ma funzionali ai massimi livelli, dimostrano tutta la loro affidabilità sulle piste sterrate di questo angolo d’Africa. Il programma del corso parte proprio da Malindi, dove prendendo la C103 si lascia l’affollato centro città con botteghe e bancarelle dai colori variopinti e dai profumi più intensi affollate sin dalle prime ore dell’alba. La strada che si percorre a bordo (anzi alla guida) dei Land Cruiser è una larga sterrata argillosa incorniciata da immense piante secolari e da una vegetazione verde acceso che fa risaltare la terra rossastra. Il viaggio verso lo Tsavo è un’esperienza unica e affascinante, di quelle che neppure volendo si dimenticano: le capanne costruite con fieno e fango, gli orti squadrati dove donne e bambini coltivano ortaggi e verdura, i ragazzini che, scalzi ma con indosso le loro divise british style, camminano lungo i bordi della strada per raggiungere la scuola… emozioni che accompagnano alla scoperta di un territorio dalla bellezza indescrivibile.

Dopo aver percorso 30 dei 140 chilometri che da Malindi conducono al campo base del corso off road, a bordo dei Toyota si fiancheggia un piccolo villaggio di campagna dove, in compagnia di un vecchio esperto di serpenti, si possono ammirare grandi teche con mamba e pitoni. Lungo la C103 che corre verso lo Tsavo giraffe, gazzelle, impala e babbuini osservano incuriositi il passare dei fuoristrada. A poche centinaia di metri dall’ingresso della riserva naturale dello Tsavo Est, a dare il benvenuto ai partecipanti al corso è l’incantevole lodge del Buffalo Camp, un villaggio di bungolaw affacciato sulle sponde del fiume Galana a nord est di Malindi. Entrando al Buffalo si ha subito la sensazione di trovarsi in un territorio senza confini dove il tempo scorre lento: il villaggio – completo di tutti i confort – è stato costruito rispettando la tipicità di quest’angolo d’Africa (la corrente è disponibile solo dalle 18 alle 22 con un generatore) grazie anche ad un altro italiano, Giuseppe Ippolito, che una incisione su un capitello ligneo ricorda ancora per il suo amore per quei luoghi. Una notte di luna piena in riva al fiume Galana, con gli sbuffi degli ippopotami, il rumore dei passi di un elefante e il ruggito lontano di un leone sono solo alcune delle emozioni che si possono vivere al Buffalo Camp. Cenare (davvero ottimamente!) con vista sul fiume in compagnia di babbuini che si inseguono fra i cespugli o di coccodrilli che vengono sin sulla riva ha un effetto davvero indescrivibile. In questo straordinario scenario, le serate degli aspiranti driver del corso 4×4 trascorrono attorno al grande fuoco centrale del campo fra racconti ed esperienze di ciò che si è vissuto le ore precedenti.

Trovandosi a poche centinaia di chilometri dall’equatore svegliarsi alle prime ore del mattino, per godersi lo spettacolo che regala questa terra con i suoi colori e i profumi che cambiano di ora in ora, è il modo migliore per entrare in contatto con natura e paesaggi anche perché, la mattina presto, è più facile osservare gli animali che scendono al fiume per abbeverarsi. A bordo dei Land Cruiser si varcano i cancelli del “Sala Gate” iniziando così il safari, quello da protagonista. Oltre a prestare attenzione alla guida sulle piste della savana, la Safari Academy insegna a scorgere il più piccolo movimento che permette di individuare una scimmia o un leone fra i cespugli. Il parco dello Tsavo Est, dove si svolge il corso, è un’enorme pianura con grandi aree di savana attraversate dal fiume Galana: la fauna che popola queste terre ospita sciacalli, ghepardi, iene, bufali, manguste, facoceri e numerose gazzelle in cui è facile imbattersi. Fra le piste battute che conducono in luoghi dove sarà frequente l’incontro con animali che vivono nel loro habitat, ve n’è uno dal fascino particolare. E’ l’Ippo-Point, un’area di sosta lungo il fiume dove appostarsi (in tutta sicurezza) per osservare da vicino decine di ippopotami sguazzare nell’acqua e giocare fra loro.

A vigilare sulla sicurezza e sul rispetto nei confronti di animali e natura all’interno della riserva ci sono i guardia parco pronti ad allontanare dall’area chi infrange le norme (come chi abbandona le piste tracciate per inoltrarsi nella savana con il fuoristrada o chi si avventura a piedi sfidando gli animali). Il corso 4×4 prosegue nello Tsavo imparando ad affrontare non solo tutti i tipi di terreno ma anche l’avvicinamento ad una mandria di elefanti che si incontra sulla propria traiettoria. E’ la conoscenza di queste particolarità che rende unico l’Off Road Safari Academy che non solo insegna come comportarsi alla guida di un fuoristrada in un ambiente selvaggio come la savana ma rende protagonisti facendo provare tutte le emozioni del driver in prima persona. Dopo una giornata a bordo dei fuoristrada si rientra al Buffalo Camp dove il corso prevede lezioni teoriche e pratiche sulla meccanica del 4×4 e sulla funzionalità di tutti gli accessori, interventi resi necessari perché un fuoristrada affidabile nel bel mezzo della savana significa sicurezza. E si, perché se il 4×4 si ferma per un guasto ed è necessario scendere dal veicolo per effettuare un controllo, non bisogna dimenticare che a pochi metri di distanza ci può essere un leone…Con gli istruttori della Safari Academy si imparano tutti i trucchi della guida off road in notturna (grazie anche all’esperienza e alle conoscenze di autentiche guide Masai) per poi destreggiarsi fra l’inserimento di ridotte, tecniche per affrontare pendenze ripide su fondi scivolosi, scelta e utilizzo di differenziale autobloccante posteriore o manuale anteriore. Ma il corso a trazione integrale in Kenya non è solo questo.

L’accademia di guida prevede anche lezioni pratiche su come affrontare i guadi, sulle tecniche winch per attraversare in tutta sicurezza il fiume da una sponda all’altra in mezzo alla corrente, con scenari che cambiano in continuazione: dove prima il letto del fiume era quasi asciutto in poche ore l’acqua può salire e le tracce percorse in precedenza per fare ritorno alla base non essere più così visibili. Se lo Tsavo affascina per la sua natura selvaggia, Kipini, piccolo villaggio di pescatori situato sul delta del fiume Tana nel punto dove questo incontra il mare, ammalia per la sua posizione privilegiata dove foresta, spiaggia e dune si fondono insieme. Fra i più importanti fiumi dell’Africa equatoriale, il Tana River – che nasce alle pendici del Monte Kenya per poi gettarsi nell’oceano Indiano nella Ungwana Bay – è il più lungo del paese kenyota con i suoi oltre 800 chilometri. Un’escursione facoltativa quella a Kipini assolutamente da non perdere per chi dell’Africa ha voglia di scoprire qualcosa di diverso al di fuori dai soliti safari. Dopo 90 km di strada asfaltata ci si addentra per 35 km fra villaggi locali per raggiungere il punto d’imbarco e discendere il fiume fino al mare in un carosello di natura lussureggiante con ippopotami (nel fiume ne vive un branco che sfiora le 200 unità), coccodrilli, scimmie e aquile pescatrici. Dopo aver trascorso una notte al lodge Tana River, immersi nella quiete della sua natura, spettatori di uno scenario di incomparabile bellezza, si riparte per il rientro a Malindi non prima di fare una sosta al mercato di Witu o al lago degli ippopotami. Sulla strada del ritorno c’è ancora tempo per una deviazione attraverso la foresta in puro stile Camel Trophy seguendo le piste inghiottite dalla vegetazione lungo le quali individuare la rotta migliore da percorrere con il fuoristrada ma sempre con la sicurezza di avere con sé un Masai che conosce perfettamente il giusto percorso e soprattutto come tornare sulla pista per Malindi. In questi itinerari, all’improvviso, fra piante coloratissime, alberi secolari e piantagioni di manghi ci si imbatte in villaggi Orma, tribù di origine etiope, dove le donne indossano parei multicolori e i bambini sorridono con gli occhi vispi, quando dopo i primi timori, corrono incontro al fuoristrada per ricevere caramelle e biscotti.

A rendere indimenticabile questo corso off road è anche la guida sulla spiaggia dorata di Mambrui, pochi chilometri a nord di Malindi, dopo il fiume Sabaki (uno degli altri nomi assieme ad Arthi River, con cui è conosciuto il Galana,) perfetto test finale per mettere in pratica tutti gli insegnamenti appresi, guidando sulla battigia dell’oceano Indiano, attenti a riconoscere dal colore della sabbia le differenti difficoltà che si incontrano sulla spiaggia. Un percorso unico nel suo genere che permette di affacciarsi sulla spiaggia poco prima di Mambrui per uscirne solo 34 chilometri dopo con la sensazione di essere stretti fra oceano e costa affrontando il fenomeno delle maree. Alla fine della spiaggia dorata (il nome è dovuto alle pagliuzze rilucenti della sabbia), una pista riporta verso l’asfalto fiancheggiando un’imponente foresta di mangrovie che sommersa dall’alta marea crea uno spettacolo di naturale bellezza per poi scoprire, con la bassa marea, radici che paiono autentiche sculture naturali. Proseguendo su questa pista si arriva al villaggio di Ngomeni, dove ha sede il Centro Spaziale Italiano Luigi Broglio di proprietà dell’Università la Sapienza di Roma e gestito dall’Agenzia Spaziale Italiana, da dove si imbocca la strada che riporta al Coral Key Beach Resort. Prima del rientro in Italia (con l’attestato di driver off road in tasca) c’è il tempo per una visita alle numerose bellezze che Malindi offre ai suoi turisti, fra cui lo splendido Marine National Park, la Falconry of Kenya e il monumento all’approdo dell’esploratore portoghese Vasco De Gama, nei pressi del pontile, oltre il centro città, incastro di stradine e di botteghe che vendono spezie, frutta e artigianato locale.

BOX
Il corso di guida 4×4 dell’Off Road Safari Academy ha come obbiettivo quello di fornire ai partecipanti il know how indispensabile per padroneggiare veicoli speciali come i Land Cruiser nella savana e su ogni altra tipologia di terreno, migliorando la tecnica di guida e imparando le soluzioni da adottare per far fronte alle diverse difficoltà. Il corso prevede 4 giorni con un istruttore professionista e una guida locale di safari e alterna prove tecniche a lunghe escursioni diurne e notturne su pista e fuorispista. Quota: 950 euro a persona (minimo due persone) comprensiva di corso, utilizzo dei fuoristrada, assistenza logistica sul percorso, guida safari, ingressi al parco, assicurazione infortuni, trattamento 7 giorni in pensione completa presso il Buffalo Camp nel parco dello Tsavo Est e l’Hotel Coral Key Beach Resort di Malindi. La quota non comprende invece volo aereo, bevande e extra di carattere personale. Escursione facoltativa di 2 giorni a Kipini: 200 euro a persona.

[information]

Per informazioni: www.offroadsafariacademy.it

+39 348.2714259 Andrea – +39 333.3612248 Sonja – +254 721755869 Domenico (Kenya Line) – info@offroadsafariacademy.it – product.manager@malindikey.com [/information]

[youtube id=”s5sRlgk28I0″ width=”620″ height=”360″]

 Clicca qui per il reportage fotografico completo

 

Finlandia 4×4 – Winter Off Road in Finland – Viaggio oltre il Circolo Polare Artico

Winter Off Road in Finland – Una suggestiva spedizione invernale oltre il Circolo Polare Artico attraverso i territori della “Guerra d’Inverno”, conflitto russo-finlandese che costò al paese scandinavo la perdita del territorio della Karelia. Ecco il reportage di 2 Land Rover in viaggio per 26 giorni fra neve e ghiaccio.

Una saga finlandese narra che un gigante della foresta, mentre trasportava un recipiente pieno d’acqua per la sauna, inciampò in una radice: l’acqua si rovesciò a terra formando quella miriade di laghi, fiumi e paludi che ancora oggi caratterizza questo affascinante territorio. Vista dall’alto la Finlandia appare come un immenso “craquelé” (termine francese che significa screpolatura e che indica una tecnica decorativa come ci spiega Giovanni, uno dei protagonisti del viaggio, che non a caso ha fatto della pittura una delle sue più grandi passioni artistiche) con corsi d’acqua a collegare fra loro i 200 mila laghi che costellano la foresta boreale, la taiga e la tundra.

Un territorio con paesaggi incontaminati fra i più suggestivi di tutta Europa tanto da ospitare una delle più importanti spedizioni off road organizzate dal Gruppo Sextant, fondato da Giovanni Dondi nel lontano 1975 ed oggi una delle realtà fuoristradistiche più attive in Italia grazie ai numerosi viaggi esplorativi in Africa, Groenlandia, Quebec, Labrador e Russia (solo per citarne alcuni). Protagonisti di questo tour 4×4 oltre il Circolo Polare Artico, alla scoperta dei territori della “Guerra d’Inverno”, il conflitto russo-finalndese che durante la 2^ guerra mondiale costò alla Finlandia la perdita di parte del territorio della Karelia (regione orientale confinante con la Russia), sono stati due Land Rover che per ben 26 giorni hanno attraversato un percorso tortuoso che dall’Italia li ha accompagnati in Austria, Germania, Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia sino a toccare terra suomi.

Una straordinaria avventura realizzata al termine della lunga notte polare quando le ore di luce disponibile a 70° di latitudine nord – 500 km oltre il Circolo Polare Artico – permettono non solo di viaggiare di giorno ma anche di ammirare la Finlandia più autentica, quella fuori dalle tradizionali rotte del turismo.
Fra idiomi arcaici, leggende popolari, storia e natura incontaminata ecco l’entusiasmante reportage di viaggio (da non perdere assolutamente!) di Giovanni ed Erina Dondi, autori della spedizione in compagnia di Flavio Sozzi ed Esther Grotti, alla scoperta della Karelia finlandese. Rigorosamente in off road e con due Land Rover – un 110 ed un 90 – camperizzati ed equipaggiati con verricelli, binde e…catene da neve!

Dall’Italia alla Finlandia attraverso i paesi baltici 
La spedizione “Winter in Finland” inizia da Milano da dove i due equipaggi partono con destinazione Karelia, regione finnica che si estende da 61° a 64° di latitudine nord, da Laapperante fino a Kumo, uno dei territori più affascinanti e selvaggi di tutta la Finlandia. Ad accompagnare il tour 4×4 è un lungo trasferimento alla scoperta dei paesi baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia) sino ad Helsinki, capitale suomi raggiunta imbarcando le fuoristrada sul traghetto che da Tallinn arriva sino in terra finlandese. Giusto il tempo necessario per procurarsi le carte stradali dettagliate e poi il gruppo riparte da Helsinki per percorrere i primi 360 chilometri di questa avventura off road sotto un cielo sgombro da nubi e con la neve a chiazze ai bordi delle foreste. Raggiunta Savonlinna, nella “Regione dei Laghi”, gli equipaggi fanno sosta sulle sponde del grande specchio d’acqua Pielinen dove ad ospitare il loro primo campo è un istmo boscoso che si protende verso il centro del lago stesso: sulla sponda opposta si intravede il villaggio di Vuonislahti, posto sulla direttrice per Sumo. Se il ghiaccio fosse in grado di reggere il peso delle Land Rover la spedizione potrebbe accorciare di 60 km la risalita verso Nord.

La ricognizione a piedi con la luce della luna che illumina a giorno la superficie ghiacciata dove si notano tracce di pneumatici lascia letteralmente senza respiro. All’alba, i raggi del sole fanno capire che non si tratta solo di tracce ma di una vera e propria pista segnalata da paletti di legno infissi nelle crepe del ghiaccio. Il transito, come indica un cartello, è consentito solo a mezzi che non superano le 3 tonnellate: il 110 di Giovanni ed Erina, equipaggiato con attrezzature off road e viveri per un mese, è proprio al limite ma grazie all’incoraggiamento di un pescatore locale (che rassicura i quattro viaggiatori italiani sullo spessore del ghiaccio presente, sufficiente a reggere il peso di un camion), inizia a percorrere la pista accompagnato da immancabili sinistri scricchiolii. L’ambiente è di una bellezza che non ha eguali grazie anche al riverbero del sole sui cristalli di neve ghiacciata che crea quell’immenso caleidoscopio animato dal movimento dei due Defender. Ripresa nuovamente la strada asfaltata (con un po’ di tristezza…) si punta in direzione nord sfilando a poca distanza dal confine russo. Il giorno successivo Giovanni e Flavio imboccano una pista innevata che accompagna nei pressi della collina di Iivaara, punto panoramico della regione, dove i due 4×4 si destreggiano perfettamente fra la neve: il territorio visitato dalla spedizione a trazione integrale è zona di parchi naturali fra i più apprezzati per il trekking e le attività outdoor.

Dall’alto lo sguardo spazia sui laghi ghiacciati che si susseguono sino alla corona di conifere che definisce l’orizzonte. L’interessante deviazione off road finisce a Kusamo dove si riprende l’asfalto per raggiungere il Circolo Polare Artico: quando il GPS indica la latitudine di 66° 33’ i due equipaggi si ritrovano, come in una sfida, ad individuare per primi un cippo o un cartello che indichi il passaggio del celebre parallelo. Inutile….nulla infatti indica il raggiungimento di questo famoso riferimento geografico. Ancora in marcia verso nord, ad accogliere ora i quattro viaggiatori è la terra lappone con la strada che si restringe sempre di più solcata soltanto da tracce di motoslitte. Si sgonfiano gli pneumatici e, non senza qualche intervento con verricello e strop, le due Land Rover percorrono paesaggi a dir poco panoramici con scenari di foreste rigogliose interrotte solo da colline tondeggianti. Da Sodankyla, dove il gruppo pernotta in un caratteristico lodge con uso di cucina, riprende il viaggio, sempre verso nord, e dopo aver percorso 50 chilometri, le due fuoristrada imboccano una pista invernale che si rivela sin da subito piuttosto impegnativa.

E’ un lungo traversone che collega fra di loro le due direttrici stradali che scendono da Inari. La neve è profonda tanto da richiedere il montaggio delle catene (auto costruite con maglie ritorte ad andamento incrociato) sulle quattro ruote: l’operazione richiede quasi un’ora ma il risultato permette di procedere senza più intoppi…o quasi! La pista è lunga 60 km ed ha un andamento tortuoso: il ghiaccio la rende a tratti ancor più difficile da percorrere tanto che le due Land Rover in alcune occasioni scivolano sul lato della pista dove la neve ha una profondità insondabile. Il disimpegno dei mezzi richiede non poca fatica soprattutto perché per assicurare le strop agli abeti è necessario muoversi sulla neve fresca che…non sempre regge il peso dei quattro viaggiatori. Dopo aver spalato neve a gran quantità, i Defender si rimettono in viaggio sino a quando sul percorso si raggiunge uno spiazzo adatto ad allestire il campo: per cena, spaghetti all’amatriciana e polpette di renna, un bizzarro abbinamento gastronomico armonizzato con Ortrugo (vino vicentino) e vodka finlandese! Perfetto per brindare alla terra dei sami. Il giorno successivo la spedizione raggiunge il villaggio di Kistala dove la pista piega decisamente a nord per poi congiungersi alla strada per Inari che si raggiunge prima di sera.

Rotta verso sud… 
Dopo essersi spinto oltre il Circolo Polare Artico, il viaggio inverte la rotta scendendo verso sud dove i due equipaggi incontrano…il vero freddo: misteri delle correnti polari! Alla latitudine di 67°20’ le due Land Rover imboccano una nuova pista innevata solcata solo dalle motoslitte: montate le catene da neve, mentre inizia a nevicare a larghe falde, i Defender riprendono il loro percorso. Ad occidente, un tenue bagliore violetto tinge l’orizzonte e quando i fiocchi ne attraversano la linea si accendono come luminarie di un addobbo natalizio. L’aria tersa rende straordinariamente limpida la volta stellata e a nord la Stella Polare, che fa da perno al timone dell’Orsa Minore, appare alta e luminosa come non mai. Il territorio ancora ondulato offre l’opportunità di spaziare con lo sguardo sull’immensa distesa della foresta. Un pranzo all’aperto intorno al tavolino da campeggio precede l’ultimo tratto di pista: l’impatto con l’asfalto coperto da un sottile strato di ghiaccio crivellato di buche non ha più certo il sapore dell’avventura che ha portato in Karelia. Sotto la neve, il tour prosegue sulla strada oltre Muonio dove si incontra un apprezzato centro che organizza escursioni con cani da slitta. Senza nulla togliere ai luoghi turistici, Giovanni ed Erina così come Flavio ed Esther preferiscono soffermarsi in una fattoria lappone, piuttosto fuorimano dal turismo, gestita da una coppia di giovani sami che si esibiscono in costume tradizionale.

Il giorno dopo imboccato un sentiero innevato le fuoristrada riescono a percorrere solo pochi chilometri perché il sole splendente ha ormai sciolto velocemente la neve tanto che il 110 non tarda a scivolare ed infossarsi nel canale di scolo a lato della pista. Il sole si dilegua e mentre i due equipaggi lavorano per più di un’ora con binda, verricelli e pale per rimettere sulla pista 110 e 90 (quest’ultimo finito anch’esso spanciato nel tentativo di recuperare l’altro Defender) si scatena una vera e propria tormenta di neve. Le condizioni meterologiche non aiutano certo i due equipaggi ma lo scenario a cui hanno la fortuna di assistere non si può spiegare (almeno a parole). Raggiunta la strada ci si accorge che anche l’asfalto sta creando problemi al transito: l’alternanza di caldo e freddo ha infatti creato un sottile strato d’acqua ghiacciata che rende difficile persino muoversi a piedi. Si procede così a passo d’uomo verso sud sino a Rovaniemi dove il gruppo si sistema in un campeggio (la temperatura notturna è scesa a -24° e all’interno dei due Defender si è congelato tutto). Ed è proprio la città di Babbo Natale, la più grande fabbrica di turismo della Finlandia, a segnare il termine della parte avventurosa di questo viaggio. Dopo migliaia di chilometri percorsi nel bel mezzo della natura più selvaggia, in compagnia di aurore boreali e laghi ghiacciati, il tour 4×4 si conclude su rotte turistiche alla scoperta del Castello di Neve di Kemi, dello zoo safari di Rauna, del Golfo di Botnia e delle principali città finniche fra cui Vaasa e Tampere sino a raggiungere nuovamente la capitale Helsinki. Un lungo trasferimento su percorsi che sfiorano un’ultima volta laghi, fiumi e paludi di questo maestoso territorio del nord Europa. Un viaggio che difficilmente si può dimenticare anche perché a ricordarlo è proprio il gigante della foresta, quello con il recipiente colmo d’acqua che si inciampò in una radice…

Si ringraziano per le fotografie Giovanni Dondi ed Esther Grotti

[toggle title=”APPUNTI DI VIAGGIO”]

Finlandia
Forma di governo: Repubblica Parlamentare
Capitale: Helsinki
Superficie: 338.424 chilometri quadrati
Lingua: Finlandese, svedese e sami
Religione: Luterani e ortodossi
Valuta: Euro

Storia: Abitata fin dall’epoca antica da gruppi di lapponi e successivamente invasa dai finni (da cui il nome Finlandia), nel 1154 ebbe inizio su questo territorio il dominio svedese durato quasi 7 secoli e caratterizzato dall’introduzione del cristianesimo da parte del re svedese Eric. Nel 1809 la Finlandia venne conquistata dalle armate dello zar Alessandro I° trasformandosi in un granducato autonomo collegato all’impero russo. Il 6 dicembre 1917, poco dopo la rivoluzione d’ottobre in Russia, la Finlandia dichiarò la propria indipendenza. A seguito del tentativo di stabilire un governo monarchico, nel 1918 il paese fece l’esperienza di una breve ma sanguinosa guerra civile che avrebbe caratterizzato la politica locale per molti anni. Nel 1919 nacque l’attuale repubblica finlandese. Durante la 2^ guerra mondiale, il paese si trovò a combattere contro l’Unione Sovietica ben due volte in occasione della Guerra d’Inverno (1939-1940) e, dal 1941 al 1944, nella cosiddetta Guerra di Continuazione. I trattati di Parigi firmati nel 1947 con l’Unione Sovietica sancirono delle restrizioni territoriali per la Finlandia che si vide strappare parte del territorio della Karelia. Componente dell’Unione Europea dal 1995, la Finlandia è l’unico paese scandinavo ad aver adottato l’Euro come moneta nazionale in sostituzione del marco finlandese.

Geografia: La Finlandia, con un territorio di oltre 338.000 chilometri quadrati, è il settimo paese d’Europa per estensione. Situata nell’area subartica dell’Europa settentrionale, posta tra il 60° e 70° parallelo di latitudine, confina ad ovest con la Svezia, a nord con la Norvegia, a sud est con la Russia e con l’Estonia (da cui la separa il Golfo di Finlandia). Il territorio, ricoperto da rigogliose foreste boreali e da zona artica, è disseminato di specchi d’acqua: i laghi, dalle forme frastagliate e di origine glaciale, sono concentrati per lo più nella zona centro meridionale. I più importanti sono il Saimaa, il Päijänne e l’Inari. I fiumi – fra cui il Torne, il Kemi, il Muonio e l’Oulu (unico navigabile) sono invece caratterizzati da un corso breve e irregolare. Le coste finniche si estendono per circa 1.100 km e di fronte ad esse il mare è punteggiato da una miriade di isole e isolette (circa 180.000 quasi quanti sono i laghi), il cui principale arcipelago si trova al largo della costa sudoccidentale (Arcipelago delle Aland). Questo paese scandinavo non possiede rilievi montuosi molto elevati: quelli più alti (Tunturit) si trovano nella regione della Lapponia. La cima più alta, l’Halti, nella porzione nord-occidentale del territorio, raggiunge appena i 1328 metri.

Gastronomia: La posizione geografica della Finlandia, fra occidente e oriente, ne ha influenzato le abitudini culinarie creando specialità gastronomiche con richiami alla cucina russa e continentale. Fra i piatti a base di pesce – cucinato al forno, affumicato, crudo sotto sale, fritto o bollito – vale la pena assaggiare quelli con trota, salmone e aringa del Baltico. Altrettanto utilizzata dai finlandesi, la carne (bovina e suina) viene servita affumicata, in stufato o in filetti al forno anche se quella di renna, specialità lappone, è la più apprezzata. Moltissime le varietà di pane (segale, frumento, orzo, cereali misti…) e di paste salate (soprattutto quelle di origine kareliana) su cui la tradizione vuole sia spalmato dell’ottimo burro salato finlandese. Da assaggiare assolutamente anche il “karjalanpiirakka”, tortino di riso e patate, e il “kalakukko”, pasticcio di pesce e carne di maiale in crosta. Ottimi infine dolci e biscotti, vino nazionale a base di ribes e liquori con frutti di bosco.

Acquisti: La Finlandia offre un’ampia gamma di prodotti da acquistare molti dei quali espressione di un fiorente artigianato locale e di un design che si ispira alla natura.
Fra i souvenir più apprezzati ci sono oggetti in legno (accessori per la cucina e collane), ceramiche e tappeti oltre ai
prodotti tipici della lavorazione della pelle di renna e coltelli lapponi (i Marttiini sono i più famosi). Questo paese è anche uno dei migliori in cui fare prelibati acquisti gastronomici scegliendo fra salmone (quello affumicato è ottimo), aringhe, caviale, formaggi tipici della Lapponia, dolci (ottimi i prodotti della Fazer), frutti di bosco (mora artica), liquori a base di bacche e vodka finlandese.

Flora e fauna: Particolarmente ricca e varia la flora finlandese si presenta con 1.200 varietà di piante e altrettante specie differenti di licheni. Il 70% del territorio finnico è occupato da foreste mentre le specie arboree presentano una maggiore varietà al sud con aceri, pioppi, ontani e olmi mentre al nord prevalgono betulle e conifere. Oltre il Circolo Polare Artico la foresta si dirada fino a cedere il posto alla vasta tundra dove la flora è costituita principalmente da licheni. Fra la fine di maggio e settembre quando sbocciano i fiori e maturano i frutti di bosco, il territorio si tinge di mirtilli e uva marsina mentre al nord trovano spazio distese di mora artica. Per quanto riguarda la fauna, le foreste finlandesi sono popolate da differenti specie di mammiferi come l’orso bruno, il più grande ed il più raro. Fra gli animali più diffusi vi sono la lince, la volpe, il lemming (tipico delle zone artiche) e lo scoiattolo volante (nella taiga) mentre nella regione lappone ci sono renne – se ne contano circa 230.000 esemplari – e alci. Nella zona orientale del territorio vive il lupo (circa 150 esemplari) mentre nelle aree lacustri si può incontrare anche la rara foca degli anelli. Molto ricca infine l’avifauna con oltre 300 differenti specie di uccelli fra cui strolaghe, gufi, falchi pescatori, fringuelli e gru. [/toggle]

 Clicca qui per il reportage fotografico completo

Alla scoperta del Marocco con una Toyota HDJ100

Alla scoperta del Marocco con una Toyota HDJ100: settemila cinquecento chilometri fra città imperiali, oasi di montagna, palmeti e vecchie fortezze di argilla. Tappa per tappa ecco il reportage di viaggio oltre le colonne D’Ercole. Rigorosamente in Off Road…
 Clicca qui per il reportage fotografico completo
   
E’ la catena montuosa dell’Alto Atlante, con foreste e nevi perenni, a dividere il Marocco in due mondi: quello a nord delle grandi città storiche, capitali di un impero fra i più affascinanti del continente africano; quello a sud dei villaggi, dei castelli di terra, di pastori, oasi e deserti. Medine sovraffollate con profumi di spezie e tessuti colorati filtrati dalla luce dei mercati coperti dove maestri artigiani cesellano sapientemente ferro e ottone in un’atmosfera squisitamente araba. Berberi in djellaba e donne velate al lavoro nelle oasi sperdute fra i grandi spazi del Sahara occidentale, minuscoli villaggi di pescatori incastonati fra rocce e scogliere da raggiungere percorrendo le spiagge ventose dell’Atlantico. Muri ormai diroccati di vecchie fortezze in terra color ocra racchiuse fra palmeti, angoli di un Marocco così diversi fra loro eppure così simili quando si lasciano scoprire ed ammirare con segretezza per quell’asfalto che passa accanto ma spesso li ignora. Un viaggio reportage alla scoperta di alcune fra le regioni custodi delle tradizioni più vere di questo paese, un percorso che accompagna dalle montagne innevate del nord sino alle calde dune di Merzouga, nell’erg Chebbi. Settemila 500 km in solitaria fra asfalto, piste e sabbia attraverso il territorio marocchino alla guida di una Toyota Land Cruiser HDJ100 – equipaggiata con pneumatici BF Goodrich All Terrain e in allestimento da raid per Africa – per ripercorrere le rotte del glorioso passato da mille e una notte.

Da Tangeri a Safi fra le bellezze della costa atlantica
A Tangeri, porto marocchino che mette in comunicazione Africa ed Europa (tratta Genova-Barcellona-Tangeri con Grandi Navi Veloci), si respira un’atmosfera quasi bohemien grazie a scrittori ed artisti che l’hanno resa protagonista nel corso dei secoli. Dopo le formalità doganali, il viaggio ha inizio verso Cap Spartel raggiunto attraversando La Montagne, sobborgo occidentale della città araba immerso nel profumo di eucalipti e mimose. All’altezza del capo, il più a nord ovest dell’Africa, sorge il promontorio con il faro del 1865 da cui si gode una vista mozzafiato sull’oceano. Pochi km a sud ovest di Cap Spartel meritano una visita le Grotte d’Ercole, ad Achakar, dove l’acqua del mare ha scavato strabilianti insenature nella scogliera tanto da modellare l’ingresso alle caverne come una cartina rovesciata dell’Africa. Da Asilah, con il suo variopinto mercato di frutta e verdura, il raid si dirige verso Larache, di impronta araba e andalusa, dove per raggiungerne il vecchio cuore si percorre Place de la Liberation, vera e propria plaza spagnola, attraversando Bab el-Khemis con il suo tetto di tegole laccate. Proseguendo lungo la strada costiera che affianca l’autostrada si raggiungono Kenitra e Mehdya Plage (incantevole per una sosta pic-nic) prima di arrivare a Rabat, capitale del Marocco. Con cupole, minareti e terrazze dalla splendida vista, Rabat si affaccia sull’Atlantico innalzandosi di fronte a Salè, al di là del Wadi Bou Regreg. Partendo da Avenue Mohammed V si può bighellonare nelle strette viuzze della medina, costruita nel XVII secolo per accogliere i rifugiati andalusi, ora traboccante di botteghe di tappeti, tessuti e lana dove ammirare gli artigiani che tessono stoffe preziose con vecchi telai. Per i più golosi, qui si possono gustare squisiti torroni alle mandorle e al miele, sorseggiando succo di canna da zucchero, mentre si passeggia per la kasbah degli Oudaia, luogo preferito dagli abitanti di Rabat dove ancora oggi si respira il fascino della città imperiale. L’ingresso all’imponente fortificazione è dalla Grande Porta degli Oudaia (o dalla Piccola Porta poco più in basso) che accompagna sino al giardino andaluso, in primavera paradiso di profumi con zagare e gelsomini. Per raggiungere Rue Jemaa, la via principale, basta curiosare fra queste stradine con vecchie case dipinte a intonaco bianco e blu: da non perdere una sosta alla “casa della fortuna”, sul cui muro spicca l’immagine di un gatto. La tradizione vuole che prima di partire per la Mecca, un pellegrino nascose tutta la sua fortuna in casa: non rientrato, gli abitanti, nonostante la miseria, accolsero fra le mura un gatto affamato che grattando il pavimento fece scoprire il ricco tesoro…. Da quel giorno la casa si chiama Dar Baraka. Lasciata Rabat, ecco Casablanca dove una visita alla moschea Hassan II (ingresso 100 DH a persona con guida) merita da sola tutto il viaggio. Inaugurata nel 1993, è un vero e proprio inno all’architettura e all’arte decorativa marocchina con stucchi, piastrelle zellij, pavimenti in cedro dipinto, particolari in marmo, onice e travertino. Dal minareto, 25 metri di larghezza e 200 di altezza, faro dell’Islam, vengono proiettai due raggi laser che arrivano sino a 30 km di distanza per indicare la direzione della Mecca. Il raid porta ora ad Azemmour, 80 km a sud di Casablanca, racchiuso nella morsa di una muraglia che sovrasta l’estuario del fiume Oum Er Rbia: città di artisti, come testimoniano le numerose facciate dipinte, vi si incontrano ancora le vestigia della dominazione portoghese con blasoni e scudi con insegne reali. La bussola indica sud mentre Toyota ed equipaggio si dirigono verso El Jadida e Safi. Nella prima città, anch’essa di impronta portoghese, non si può non concedersi una passeggiata nella graziosa medina dall’atmosfera barocca che racchiude al suo interno una bella cisterna per l’acqua piovana. Per sentirsi come a casa ecco la maison d’hotes di Massimo (Rue Joseph Nahon 7 – elgattomarokin@hotmail.fr), gondoliere di Venezia trasferitosi a El Jadida, dove nelle piccole boutique si trovano splendide stoffe tessute a mano, brocche in ceramica dalle sfumature rossastre e gioielli di un tempo. La strada costiera, con un paesaggio sempre più desertico animato solo da greggi di pecore e dromedari, accompagna a Safi, famosa in tutto il mondo per le sue ceramiche e per la pesca alle sardine (assaggiate le polpette al pomodoro!).

Città imperiali, riserve naturali e fortezze d’argilla
Dopo una sosta a Souria Kedima e a Bhibah Plage, la Toyota scende in spiaggia per affrontare un primo tratto impegnativo di guida off road sulla sabbia atlantica. La direzione è ora verso Essaouira, cinta di mura fortificate oltre che porto di pescherecci sorvolato da nugoli di gabbiani e dimore bianche dai tetti piatti e dagli infissi blu. Una città fuori dal tempo dove visitare bastioni portoghesi, perdersi nel quartiere ebraico e curiosare dove ancora oggi si costruiscono le tradizionali barche a forma di sambuchi. Il viaggio prosegue verso Agadir lungo 175 km di strada costiera fra le più panoramiche dell’Atlantico attraversando Smimou con le sue cooperative femminili dove si producono olio d’argan e squisite marmellate con miele e mandorle. Davvero imperdibile una passeggiata al porto di Tafelnay da raggiungersi lungo una stretta strada asfaltata di 14 km. Da Imsouane, suggestivo angolo di oceano scelto dai surfisti per le onde che si srotolano per oltre 800 metri, si arriva prima a Tamri (impressionante l’immenso bananeto che sorge all’imbocco del fiume) e poi a Taghazout, a ridosso della montagna. Ecco Tifnit, 40 km a sud di Agadir, grazioso villaggio di pescatori raccolto in una baia con case di epoca trogloditica: gli ultimi 400 metri si percorrono a piedi sulla spiaggia. Qui si ha davvero l’impressione di essere fuori dal mondo. Poco più a sud, si estende per 1200 ettari la riserva dello ouadi Massa, vero paradiso per gli appassionati di birdwatching dove osservare fenicotteri, ibis calvi, aironi cenerini e anatre. Il raid fa tappa a Marrakech che accoglie nella medina centrale con piazza Jemaa El Fna (da non perdere il succo d’arancia delle bancarelle), alla sera affascinante quanto immenso ristorante all’aperto con specialità marocchine (si cena in due con una decina di dirham). Prima di proseguire per le cascate d’Ouzoud non deve mancare una visita alle bellezze di Marrakech: dalla moschea Koutoubia, con il minareto del XII secolo che sovrasta la piazza, al grande suk sino al mellah ebraico, a Place des Ferblantiers (acquistate lanterne e specchi di metallo fatti a mano!) e alle concerie dove catturare l’atmosfera di un mestiere tradizionale che sta scomparendo. E per dormire, niente di meglio che un riad della vecchia medina (Riad Zinoun – Derb Ben Amran 31www.riadzinoun.com). Lasciata la RN 8 ci si inerpica con il 4×4 tra le gole del fiume El Abid che accompagna a Ouzoud, considerato (e non a torto) uno dei più bei luoghi naturali da visitare in Marocco: fra alberi di carrube, ulivi e melograni ecco le imponenti cascate a sbalzo con il loro salto di 110 metri. Per raggiungere Ouarzazate e le oasi meridionali, dove il deserto di pietra è interrotto da villaggi verdeggianti in cui crescono palme da dattero e scorrono fiumi sino ai confini del Sahara, si attraversa il passo Tizi n’Tichka, il più alto valico stradale del paese con i suoi 2260 metri d’altitudine. Passati Telouet, Ait Benhaddou (patrimonio Unesco dal 1987 per il suo ksour di terra e canne) e Ouarzazate (da visitare la kasbah di Taourirt), da Agdz con il fuoristrada si imbocca una pista parallela alla strada asfaltata per Zagora (circa 35 km) che corre lungo i bordi del palmeto sull’altra riva del fiume e raggiunge Tansikht: l’itinerario nella valle del Draa è un susseguirsi di fortezze con torri merlettate e vecchi villaggi in arenaria rossa.

Dalle dune di Merzouga al suk di Chefchaouen
Da Zagora (dove dormire al camping Oasis Enchantée…il nome rispecchia alla perfezione il luogo!) la Toyota riprende il viaggio, questa volta verso la gola del Dades su un tratto asfaltato di 60 km che da Boumalne arriva a Msemrir. Oltre non c’è che un sentiero percorribile solo con i 4×4 (fra valli d’altri tempi dove in tende di lana vivono ancora famiglie di berberi) che porta ad est fino alla gola del Todra con dirupi scoscesi alti fino a 300 metri. Da Erfoud, punto di partenza per le escursioni all’Erg Chebbi, si arriva a Merzouga, affascinante oasi sahariana con dune che si estendono per 30 km e raggiungono i 250 metri di altezza, paradiso per l’off road. A ovest del villaggio, si trova il Dayet Srij, grazioso laghetto che si riempie con l’acqua dei temporali invernali, da sempre meta di fenicotteri rosa e cicogne. Si risale verso nord passando per Er Rachidia, centro di impronta francese, da cui iniziano i palmeti dello Ziz che accompagnano al Foum-Zebel, il “tunnel del legionario” scavato nella roccia dai francesi nel 1927: la galleria si apre sulla gola del fiume i cui pendii spettacolari si collegano all’Atlante. Fra le città imperiali merita sicuramente una visita Fès ma ancor di più Meknes, con i bastioni che racchiudono la medina e la storica Place El Hedima, per poi raggiungere Taza, sulle colline più basse del Rif e del Medio Atlante, uno dei luoghi più antichi del Marocco da cui parte l’escursione al parco nazionale Jebel Tazzeka, fondato nel 1950 per proteggere le foreste di cedri. Da qui ci si dirige a Chefchaouen non prima però di aver ammirato i paesaggi del Rif dove incontrare meraviglie della natura con alte montagne, gole, formazioni rocciose e paesi di un tempo (fermatevi a Bab Berret e Bab Taza). Abbarbicata fra due monti, Chefchaouen, costruita nel 1471 da un discendente di Maometto, è famosa per le sue dimore a intonaco bianco e indaco con i tetti di tegole rosse (graziosa piazza Uta el-Hammam). Il raid alla scoperta del Marocco si conclude a Ceuta, enclave spagnola che sorge sullo stretto istmo fra il monte Hacho (leggendaria colonna d’Ercole con la rocca di Gibilterra) e la terraferma da cui ci si imbarca per la Spagna. Con la promessa di ritornare in Marocco per scoprire il fascino del sud, al confine con la Mauritania.

[toggle title=”APPUNTI DI VIAGGIO MAROCCO”]

Forma di governo: Monarchia costituzionale ereditaria
Capitale: Rabat (1.717.000 abitanti)
Città principali: Casablanca, Fes, Marrakech, Agadir, Tangeri, Meknes, Oujda, Kenitra e Tetouan
Popolazione: 33.757.750 abitanti (70 ab/km2)
Superficie: 446.550 chilometri quadrati
Lingua: Arabo, berbero (parlato dal 40% della popolazione), francese e spagnolo
Religione: Islam, cattolicesimo (60 mila fedeli) e ebraismo (15 mila). In tutto il Marocco vige il divieto per i non musulmani di entrare nelle moschee e nei luoghi di culto. L’unica moschea visitabile è la monumentale Hassan II di Casablanca oltre a quella di Tin Mal sull’Alto Atlante lungo il percorso fra Marrakech e Tizi’n Test.
Valuta: Dirham

Geografia: Stato dell’Africa settentrionale, situato nella regione conosciuta come Maghreb, il Marocco deve il suo nome alla città di Marrakech, parola di derivazione berbera (Mur-Akush “Terra di Dio”). Bagnato dal Mar Mediterraneo a nord e dall’Oceano Atlantico in tutto il tratto ad ovest dello Stretto di Gibilterra, il Marocco confina con l’Algeria ad est e sud est e con il territorio del Sahara occidentale a sud. Quattro le enclave spagnole in territorio marocchino che si affacciano sul Mediterraneo: Ceuta, Melilla, Penon de Velez de la Gomera e Penon de Alhucemas. Di proprietà spagnola anche le isole Chafarinas, sulla costa del Mediterraneo 45 km a est di Melilla, e le Canarie, al largo del lembo più meridionale della costa atlantica del Marocco. Le catene montuose dell’Alto Atlante e dell’Anti Atlante ricoprono essenzialmente le regioni settentrionale e centrale del paese, spesso autentiche zone rifugio per i berberi che in quei luoghi inaccessibili hanno meglio salvaguardato la propria identità. Il grande sud del paese si divide in due zone: la prima, dall’oceano ai confini algerini con un marcato andamento sud ovest nord est; la seconda, dal fiume Draa alla Mauritania con le provincie sahariane.

Storia: Abitato sin dalla preistoria dai berberi, il Marocco ha conosciuto la colonizzazione di fenici, cartaginesi, romani, bizantini e arabi. Il dominio delle dinastie islamiche (Idrisidi, Fatimidi, Almoravidi, Almohadi…Alawiti) ha avuto grande influenza a partire dal VII secolo mentre per le prime infiltrazioni coloniali europee bisogna attendere il XVIII secolo. Nel 1912, con il trattato di Fez, il Marocco diventa protettorato francese con un’amministrazione diretta sulla falsariga di quella applicata alla vicina Algeria mentre la Spagna estende il proprio controllo sul Rif e Tarfaya. Nel 1944 viene fondato il partito Istiqlal il cui programma punta all’indipendenza del paese dalla Francia: al termine della seconda guerra mondiale il Marocco chiede appoggio a Stati Uniti e Gran Bretagna per la causa indipendentista raggiunta il 2 marzo 1956. Dal 30 giugno 1999 il re del Marocco è Mohammed VI, figlio di Hassan II.

Gastronomia: Influenze gastronomiche arabe e francesi caratterizzano da sempre la cucina marocchina che ha alla base il tradizionale cibo dei nomadi – pecora, verdure e datteri – con un concentrato di sapori dal dolce al salato. Fra le specialità da assaggiare: la tajine (mix di verdure con carne o pesce, mandorle, prugne, olive, cipolle sottoaceto e fichi oppure nella versione con pollo al limone),il couscous (semola di grano o miglio cotta al vapore), la pastilla (sformato di pasta sfoglia alle mandorle ripieno di carne tritata di piccione, pollo o pesce), l’harira (zuppa di pomodoro, farina, lenticchie, ceci e pezzetti di carne), le brochette (spiedini di carne grigliati sul fuoco) e le kefta (polpette di carne tritata alle spezie). Lungo la costa si possono gustare squisiti piatti a base di crostacei con astice, aragosta e gamberoni oltre a sardine e sogliole. Mandorle, miele e zucchero sono gli ingredienti principali dei dolci marocchini fra cui i gustosi “corna di gazzella” dove la pasta di mandorla si mescola al profumo dei fiori d’arancio. Tipica bevanda, il tè alla menta preparato secondo un antico quanto affascinante rito.

Flora e fauna: Essenze aromatiche e di brughiera, ulivi, ginepri, lecci, querce da sughero, pini d’Aleppo, cedri e tuia sono solo parte della grandissima varietà della flora marocchina che si presenta, di regione in regione, di tipo mediterranea, montana o sahariana. Posto d’onore spetta alla palma da dattero che segna il confine fra la cultura mediterranea e il Sahara. In Marocco ve ne sono circa 5 milioni distribuite nella Valle del Draa, del Dades e nel Tafilalet: la pianta, che può raggiungere i 30 metri di altezza, è sostenuta da un tronco non ramificato e da un fittissimo e profondo sistema di radici. Della palma si usa tutto: il nocciolo macinato da cui le donne estraggono una farina per gli animali; il tronco che è il più comune materiale ligneo dell’architettura delle oasi; i fiori da cui si ricava il vino di palma; le foglie, materia prima per intrecciare canestri e stuoie. Da non dimenticare neppure l’argania spinosa, meglio conosciuta come argan, che ha habit specifico fra la regione di Essaouira e di Goulmine oltre che nelle isole Canarie. Simile all’ulivo per aspetto, ha foglie piccole e rigide, accanto a lunghe spine: dal nocciolo tostato si produce un pregiato olio commestibile e cosmetico apprezzato in tutto il mondo per i suoi effetti benefici sulla pelle. Fra gli animali, se bertucce, sciacalli e linci abitano ancora le regioni montuose, ai bordi del Sahara vivono gazzelle e fennec, le piccole volpi del deserto. Paradiso per erpetologi e ornitologi – grazie a cicogne, ibis calvi, upupa, aquila reale, tartarughe e vipere -, il Marocco è terra di dromedari, unici animali domestici in grado di sopportare i rigori del clima con una fisiologia talmente particolare da essere considerati veri e propri capolavori di adattamento: basti pensare alle zampe a forma di cuscinetto con una spessa callosità che le protegge dalla sabbia rovente o ancora alla capacità di chiudere le narici quando infuriano tempeste di sabbia.

Acquisti: Dai tappeti, intrecciati o ricamati, agli oggetti in cuoio sino ai minerali e ai fossili, il Marocco offre a turisti e viaggiatori la possibilità di scegliere fra souvenir di ogni genere (e ogni prezzo). Curiosare nei suk, specialmente quelli non turistici, alla ricerca di maioliche e ceramiche, coperte di lana, cesti in vimini, oggetti in tuia, spezie (cannella, curcuma, cumino, zenzero…) e stoffe variopinte è il modo migliore per portare a casa un ricordo di questo splendido paese. [/toggle]

[information]

Testo e Foto di Sonja Vietto Ramus – Photo and Press Agent
tel. +39 333 3612248 – Sat. +88 216 50360520 – sonja.vietto@gmail.com


[/information]

 Clicca qui per il reportage fotografico completo

 

Colori di Sabbia – Tour Namibia 2010 – Viaggi e Raids 4×4 di Dario Basile

In Namibia, terra selvaggia e senza tempo, per un raid avventura fra parchi naturali, deserti e villaggi dall’architettura tedesca: ecco il reportage di viaggio di “Colori di Sabbia” che alla guida di due fuoristrada toyota ha percorso 4 mila chilometri in off road….

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In un paese che, primo fra tutti, ha inserito la protezione dell’ambiente naturale nella propria costituzione, parchi nazionali e riserve faunistiche private non possono che rappresentare il fiore all’occhiello tanto da attrarre ogni anno milioni di turisti da tutto il mondo. Si, perché in Namibia, selvaggio angolo di Africa racchiusa fra deserto e oceano, gli animali selvatici e la natura incontaminata offrono ad appassionati ed amanti dell’ambiente (ma anche dell’off road) scenari fra i più incantevoli del pianeta. Dai ghepardi dell’altopiano Waterberg ai rinoceronti bianchi reintrodotti nell’Etosha Park sino alle colonie di otarie a Cape Cross: per chi desidera vedere da vicino i grandi animali africani, la Namibia è sicuramente il posto giusto per una vacanza. Se poi il raid lo si preferisce fare in fuoristrada, alla guida di jeep attrezzate per assaporare l’emozione di una corsa sulle dune che si tuffano nell’Atlantico attraversando piste sterrate e guadi in secca, allora questo antico territorio di colonizzazione tedesca a sud-ovest dell’Africa è quello che fa per voi. Da Milano a Windhoek – con scalo a Francoforte – attraverso il Namib Desert, il parco Etosha, Walwis Bay e Swakopmund: un tour di 15 giorni e poco meno di 4 mila chilometri alla guida di due Toyota Double Cab con gli amici di “Colori di Sabbia”, da anni specializzati in viaggi e raid 4×4. Tappa per tappa, ecco il reportage (anche fotografico) di questa splendida avventura alla scoperta di una fra le terre più selvagge e senza tempo del continente africano.

Dall’architettura tedesca di Windhoek alle dune del Namib Naukluft Park
E’ dalla città di Francoforte che il volo diretto della compagnia di linea Air Namib decolla alla volta della capitale della Namibia dove il piccolo aeroporto africano accoglie l’arrivo dei cinque turisti italiani accompagnati da Dario Basile, coordinatore del tour operator milanese. Di impronta decisamente tedesca, con le sue “strasse” a ricordarne giorno dopo giorno la passata colonizzazione germanica, Windhoek, importante centro per il commercio delle pelli di pecora, merita una visita al centro storico dove fra gli edifici più importanti svettano la chiesa luterana Christuskirche (costruita a metà fra neogotico e art nouveau), il Reiterdenkmal, monumento ai soldati delle Schutztruppe caduti durante le guerre Herero e l’antico fortino con le sue mura ancora ben conservate. Alla guida di due 4×4 di casa Toyota – equipaggiati di bull bar, pneumatici da sabbia e serbatoi supplementari per gasolio ed acqua – ci si dirige verso Lake Oanib percorrendo un tratto di 120 km che accompagna fino a questa piccola distesa cristallina dove splendidi cottage in puro stile africano fanno da cornice alle passeggiate di giraffe e struzzi. Una lunga strada sterrata attraversa la pianura africana intervallata da acacie e bassi cespugli che si fanno largo fra il giallo oro dell’erba bruciata dal sole: da Oanib la direzione indica Sesriem che si raggiunge dopo poco più di 200 km percorsi osservando famiglie di gazzelle e orici. Per la pausa pranzo la sosta è a Solitaire, un piccolo insediamento di abitazioni situato all’ingresso del parco Namib Desert, dove si trovano le più alte dune della Namibia. A dispetto del nome (Solitaire), di turisti qui se ne vedono e anche molti…non solo per l’ottima “apple pie” servita nell’emporio locale ma anche per il caratteristico museo a cielo aperto che raccoglie carcasse e rottami di auto storiche e vecchi trattori agricoli! A Sesriem, un confortevole lodge incastonato fra rocce rossastre dalle forme bizzarre, anticipa la bellezza dei paesaggi protagonisti delle tappe successive di questo raid 4×4. Proprio da qui si prende uno sterrato che attraversa montagne rocciose e grandi radure africane illuminate dal sole sino a raggiungere il tanto atteso Namib Naukluft Park dove le dune più alte del mondo (sino a 400 metri), modellate dal vento, assumono forme e colori che variano con la luce del giorno. Con i suoi 50 mila km quadrati, il Naukluft – conosciuto anche come “deserto che vive” – è l’oasi naturale più estesa del paese: un immenso plateau che si innalza dalla piana desertica, profondamente inciso da ripide e profonde gole, habitat naturale per zebre di montagna, babbuini e ghepardi. Inserita la trazione integrale le fuoristrada risalgono la strada di sabbia “pennellandola” con traiettorie morbide e lineari sino alla vetta della famosa Duna 45, ribattezzata così perché collocata al 45° chilometro sul tratto che collega Sesriem a Soussuslvei, e ancora “Big Daddy”, la più alta duna del mondo con i suoi 390 metri, incontrata dopo aver attraversato il fiume Tsauchab. Proseguendo il tracciato off road si arriva a Soussuslvei, pozza d’acqua effimera circondata da sabbia, dove il letto del fiume in secca, costeggiato da arbusti e piante rare, diventa luogo ideale per osservare flora e fauna locale.

Walvis Bay e Swakopmund: uno spettacolo d’altri tempi 
Dopo il rientro a Solitaire, il GPS punta verso nord, direzione da seguire per raggiungere una strada sterrata che si inerpica in montagna sino a superare due alti valichi dove rocce scure creano bizzarri giochi di luci e ombre per poi scendere gradualmente in una vasta distesa desertica e sabbiosa. Il raid riprende verso Walvis Bay (baia delle balene) dove passeggiare lungo le coste popolate da miriadi di eleganti fenicotteri rosa, osservando le distese di sale bianco, è uno spettacolo davvero entusiasmante. Città portuale di 40 mila abitanti, situata a 30 km da Swakopmund nell’omonima baia, Walvis è stata da sempre al centro di contese internazionali per la presenza del frangiflutti naturale costituito da una lingua di terra, Pelican Point, dove nei decenni sorsero numerosi insediamenti europei. Il viaggio porta ad un’altra meta, Swakopmund, raggiunta via asfalto su una strada costeggiata a destra dalle dune e a sinistra dall’oceano Atlantico con le sue onde alte ed impetuose. La cena in un tipico ristorante ospitato in una vecchia nave incagliata anticipa l’atmosfera africana che si respirerà nei giorni successivi. Costruita sulla foce a delta del fiume Swakop, da cui prende il nome, in questa città della Namibia occidentale si possono ammirare edifici storici di impronta coloniale tedesca fra cui la prigione e la biblioteca pubblica. Ma non solo: per i turisti qui le curiosità non mancano tant’è che si possono visitare il ranch (aperto al pubblico) dove si allevano dromedari e la Martin Luther, locomotiva a vapore del 1896 completamente abbandonata nel deserto. Percorrendo la strada B2 (o in alternativa utilizzando la ferrovia TransNamib) ci si sposta verso l’entroterra dove osservare la Welwitschia Mirabilis, pianta endemica che cresce in questa regione, caratteristica per la longevità (sino a 2000 anni) e per le due enormi foglie che si espandono in direzione opposta sulla superficie del terreno. Per godere della bellezza di questa rara specie della flora locale bisogna percorrere una pista che sembra tagliare in due “le montagne della luna” tanto il panorama che si incontra assomiglia a quello lunare con le sue rocce scure fra la strada polverosa. Dopo un breve tratto di asfalto, le due Toyota si cimentano nuovamente nella guida off road, questa volta per raggiungere lo Spitzkoppe, conosciuto anche come “Cervino d’Africa”, con il suo granito di colore rossastro che spicca fra arbusti e Butter Tree. Centotrenta km separano da Swakopmund dove si rientra per una visita alla Kristal Gallery dove sono esposti cristalli e pietre di ogni forma e colore ma anche per sorseggiare una “Windhoek Lager” al Light House Pub vicino al faro della città.

Dalle otarie di Cape Cross all’Etosha Park passando per le Epupa Falls
Lungo una strada – asfaltata prima e sterrata poi – ci si imbatte nei primi relitti di navi incagliate sulla spiaggia: è questo il percorso che accompagna a Cape Cross, famosa in tutto il mondo per le colonie di otarie del capo che popolano questa zona e che in certi mesi dell’anno arrivano a 200 mila esemplari. Da questo paradiso naturale si parte per la Skeleton Coast dove al cancello d’ingresso sono due teschi d’animale a dare il benvenuto ai turisti: una pista sterrata nel bel mezzo dell’assoluto deserto dove un manto di magnetite nerastra ricopre le dune di sabbia gialla, ora color ocra, ora velata di verde. Dirigersi verso Twyfelfontein significa passare da uno paesaggio ad un altro completamente differente in poche decine di chilometri: il nuovo scenario che si presenta agli occhi è a tratti verdeggiante, con zebre e gazzelle a fare da indiscusse padrone di casa, a tratti rossastro, con montagne degne di un canyon americano. L’arrivo ad un lodge costruito fra rocce impreziosite da incisioni rupestri conclude questa tappa del viaggio in Namibia che ha portato a percorrere altri 480 km. Il raid 4×4 riprende con una visita alle Burn Mountains, distese di rocce vulcaniche, a cui segue quella alle Organ Pipes, colonne di dolerite (basalto a grana grossa) che assomigliano a vere e proprie canne d’organo. Ma a suscitare le emozioni più profonde sono le incisioni rupestri degli antichi cacciatori San che sulle rocce disegnavano i luoghi in cui trovare gli animali per la caccia e le fonti d’acqua: camminare fra pareti e anfratti per ammirare questi graffiti vecchi milioni di anni non ha davvero prezzo. Il viaggio riprende in direzione di Sesfontein: lungo il tragitto si avvistano zebre e giraffe ma anche i primi volti di donne e bambini Himba, che per proteggersi dal caldo e dagli insetti cospargono le mani e il pellame dei loro abiti di terra color ocra, e altri di etnia Herero con un abbigliamento che riporta allo stile vittoriano… Ripartendo da Opuwo si imbocca una strada sterrata che, attraversando fiumi in secca, accompagna ad un villaggio Himba dove si incontrano molte donne ma quasi mai uomini, fuori al pascolo con il bestiame. Le fuoristrada imboccano la pista che porta alle Epupa Falls dove un altro splendido lodge sulla rive del fiume Kunene si affaccia sul sentiero che porta alle cascate: un intrecciarsi di corsi d’acqua, fra palme e baobab, si unisce sino a formare salti di ogni altezza. Uno spettacolo naturale che lascia senza parole…pensando anche che dall’altro lato del fiume c’è l’Angola! Si prosegue poi verso Oshakati dove merita una visita il tradizionale mercato locale apprezzato per la varietà di spezie, per il pesce e la carne e per le splendide tuniche che danno un tocco di colore alle bancarelle. Da questo villaggio partono le escursioni per il parco Etosha, a nord della Namibia, che si raggiunge percorrendo altri 240 km di asfalto: qui, il game drive con gazzelle, springbok, antilopi, elefanti e rinoceronti è il fiore all’occhiello delle attrattive turistiche. I resort, costruiti in stile africano, si affacciano tutti su pozze d’acqua dove, nelle ore notturne, elefanti, ghepardi e grandi felini vengono ad abbeverarsi facendosi ammirare (in totale sicurezza) dai turisti. Il viaggio targato “Colori di Sabbia” è ormai alla fine quando si parte in direzione di Otijwarongo (percorrendo 250 km) dove è d’obbligo una sosta per visitare la Cheetah Reserve Foundation dove ci si occupa dello studio e della cura dei ghepardi (qui ne sono ospitati ben 56): grazie alla campagna di informazione effettuata con i farmer locali contro l’uccisione di questi felini (fornendo loro cani addestrati per difendere il bestiame), ora sono i proprietari stessi delle fattorie a sfamare i ghepardi. Raggiungere Windhoek (a 260 km) per poi rientrare a Francoforte significa concludere questa incredibile avventura fra natura incontaminata e animali selvatici, dopo aver scoperto le bellezze di un paese che ha nella sua storia un mix di tradizioni africane ed europee. Un arrivederci che è già una promessa di ritorno!
Si ringraziano: Cinzia Sforzini, Lorenza Breda e Dario Basile

[toggle title=”APPUNTI DI VIAGGIO NAMIBIA“]

Forma di governo: Repubblica
Capitale: Windhoek
Superficie: 825.418 km quadrati
Lingua: Inglese (ufficiale); Afrikaans, Tedesco e Oshiwambo (regionale)
Religione: Cristianesimo (dottrina luterana)
Valuta: Dollaro namibiano (1 euro = 9,05 N$)

Storia: Nonostante il territorio sia stato scoperto dal portoghese Bartolomeo Diaz nel 1486, la regione corrispondente all’attuale Namibia venne esplorata dagli europei soltanto negli anni 40 del XIX secolo. Fra il 1885 e il 1890, la Namibia cadde in mano alla Germania che le diede uno status di colonia nel 1892 con il nome di Africa Tedesca del Sudovest mentre l’attuale Walwis Bay divenne possedimento britannico sin dal 1840. Durante la prima guerra mondiale il Sudafrica occupò la Namibia e ne assunse l’amministrazione con mandato della Società delle Nazioni fino alla 2^ guerra quando il governo sudafricano decise per un’annessione unilaterale del territorio namibiano. Nel 1966 l’organizzazione Swapo di ispirazione marxista iniziò una cruenta guerriglia indipendentista contro il Sudafrica che cedette solo nel 1988 accettando un piano di pace proposto dalle Nazioni Unite che portò alla piena indipendenza della Namibia nel 1990.

Geografia: Stato dell’Africa meridionale, la Namibia confina a nord con l’Angola e lo Zambia, a est con il Botswana, a sud con il Sudafrica mentre a ovest si affaccia sull’oceano Atlantico. Con una popolazione di 2.031.000 abitanti ed un’estensione di oltre 825 mila km quadrati, la Namibia è al secondo posto (dopo la Mongolia) fra le nazioni sovrane al mondo con la minor densità di abitanti (2,5 per km quadrato). Caratterizzata da una serie di altopiani il più alto dei quali è il Brandberg (2606 metri), al centro è attraversata lungo l’asse nord-sud da un altro rilievo circondato ad ovest dal deserto del Namib, a sud dal fiume Orange, a sud e ad est dal deserto del Kalahari. La Namibia è stato il primo paese al mondo a citare esplicitamente la protezione dell’ambiente naturale nella propria costituzione: il piano di conservazione è basato sul principio del Community Based Natural Rosource Management che prevede una gestione decentralizzata delle risorse ambientali del paese. Gran parte del territorio di questo stato africano è incluso in aree naturali protette, in parchi nazionali e in riserve faunistiche private: i due principali parchi nazionali sono il Namib-Naukluft (il più grande del continente) che include il deserto del Namib e i monti Naukluft, e l’Etosha a nord del paese. Conosciuto come il più secco di tutti i deserti africani con precipitazioni fra i 13 e i 50 mm all’anno, il Namib occupa parte della costa atlantica dell’Africa occidentale per 2080 km dalla città di Namibe, in Angola, verso sud attraverso la Namibia sino al fiume Olifants nella Provincia del Capo in Sudafrica: il territorio desertico si estende poi verso l’interno del continente per quasi 160 km dove si congiunge con il vicino deserto del Kalahari.

Flora e fauna: Fra le piante più insolite presenti in Namibia va segnalata la Welwitschia Mirabilis, endemica del deserto dell’Angola, considerata una delle più antiche e longeve esistenti al mondo. Delle 100 specie di alberi che crescono in questo territorio africano ci sono anche il mopane, la marula, il fico gigante e il baobab anche se l’albero nazionale è l’Aloe Dichotoma detta “kokerboom” (albero faretra) utilizzata dai San che svuotano i rami della pianta per farne contenitori per le loro frecce. Endemica nel Namib è l’Acanthosicyos Horrida, dotata di lunghe spine, che produce frutti simili a piccoli meloni, prezioso nutrimento per gli animali del deserto (ad esempio gli struzzi) ma commestibile anche per l’uomo. Molto diffuse sono anche l’arbusto Zygophyllum Stapffii detto “pianta dei talleri” perché le foglie hanno l’aspetto di monete d’oro e l’Euphorbia Damarana, arbusto dalla linfa estremamente tossica usata dai boscimani per avvelenare le frecce. La fauna originaria della Namibia ha purtroppo sofferto molto le battute di caccia grossa organizzate dagli europei tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo: gran parte degli animali dell’Africa subsahariana sono comunque ancora rappresentati tant’è che nel Namib ne vivono numerose specie endemiche. I grandi felini sono tutti presenti in particolare il ghepardo ancora molto diffuso nell’altopiano Waterberg nonostante l’espansione delle fattorie. Non mancano gatti selvatici, genette, suricati, sciacalli, antilopi e gazzelle ma anche giraffe, elefanti, zebre e facoceri. Dopo una scomparsa quasi totale, i rinoceronti bianchi sono stati reintrodotti nel Parco Nazionale Etosha con ottimi risultati mentre quelli neri si trovano nel Damaraland. Lungo le coste vivono mammiferi marini fra cui diverse specie di delfini mentre da Walwis Bay verso nord si incontrano colonie di otarie, la più grande delle quali si trova a Cape Cross. Specie endemiche sono la zebra di montagna di Hartmann, la giraffa fumosa, la iena bruna e i rinoceronti del deserto. Fra i serpenti africani di questo territorio ci sono la vipera cornuta del Namib e la lucertola Aprosaura Achietae che si sposta sulla sabbia rovente saltellando da una zampa all’altra quasi senza toccar terra. A completare la fauna locale ci sono anche il pellicano bianco, l’allodola di Gray e l’aquila pescatrice africana rappresentata nello stemma del paese.

Gastronomia: Caratterizzata principalmente da piatti di origine tedesca e da vino sudafricano, nella cucina tipica della Namibia troviamo varie specialità a base di pesce e carne ad iniziare dalle aragoste sino al “bobotie”, carne macinata al tegame con curry in polvere, limone, zucchero e mandorle, senza dimenticare gli antipasti a base di “koeksisters”, ciambelle servite fredde con sciroppo speziato. Ottima anche la scelta dei dolci con il “melktert”, budino al latte con cannella cotto al forno, a fare da protagonista. Snack per eccellenza dei cow boy namibiani e afrikaans sono invece i “bitong”, striscioline di manzo o struzzo lasciate essiccare e consumate fredde.
Informazioni pratiche: Volo diretto da Francoforte a Windhoek con Air Namibia (www.airnamibia.com.na); noleggio auto Asco Car Hire (www.ascocarhire.com) con sede a Windhoek (ottimo rapporto qualità/prezzo e fuoristrada ben equipaggiati); costo del gasolio fra 7,53 e 7,69 N$ al litro; passaporto in corso di validità; visto da richiedersi all’arrivo in aeroporto a Windhoek.[/toggle]

[information]

Organizzazione tour Namibia: “Colori di Sabbia” viaggi e raids 4×4 di Dario Basile 
Via Arimondi, 9 20155 Milano 
Tel/fax 02.39211428 – Cell 338.9377821 
Web: www.coloridisabbia.it – e mail: info@coloridisabbia.it [/information]

 

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Carica altre foto

 

Rainforest Challenge of Malaysia 3-12 dicembre 2011


Rainforest Challenge of Malaysia 3-12 dicembre 2011
La giungla tropicale dello stato malese di Terengganu è stata lo scenario, affascinante ed allo stesso tempo minacciosa, della 14° edizione del Rainforest Challenge of Malaysia. I 30 equipaggi iscritti alla gara, dopo la cerimonia inaugurale che si è svolta al cospetto delle autorità locali, hanno iniziato a battagliarsi nelle prime prove speciali del prologo tracciate in un terreno paludoso alla periferia di Kuala Terengganu, la capitale dell’omonimo stato.
Al termine del secondo giorno di prologo, sotto la classica pioggia tropicale, tutta la carovana si è trasferita nella foresta, percorrendo lunghe piste insidiose solcate da profonde fenditure dovute alle inondazioni dei giorni precedenti, ad attenderli le durissime prove speciali e la vera avventura. Il culmine di questa gara, ormai diventata leggenda, lo si è toccato con i cinquanta chilometri della Twilight Zone, che i concorrenti hanno percorso in tre giorni e due notti, dormendo in bivacchi improvvisati lungo il percorso.
Tutto questo ci può solo far immaginare la difficoltà di questo percorso, reso ancora più impegnativo dalla copiosa pioggia che è incominciata a cadere, poco dopo lo start. Il dieci dicembre gli eroici “sopravvissuti” sono giunti, stremati ma evidentemente soddisfatti per l’impresa, al campsite 3 dove si dovevano disputare le ultime prove speciali.
Un inaspettato bollettino meteo ha però cambiato i piani costringendo gli organizzatori ad una repentina ritirata verso la città più vicina; era infatti in arrivo il monsone che avrebbe portato inondazioni e nubifragi.
Questo è il Rainforest, dove l’avventura è quella vera e dove la prima sfida non è con l’avversario ma con la natura e con se stessi. Il malese Mervin Lim Wei Shiong navigato da Hamizan Abdul Hmid è il 14° vincitore del Rainforest Challenge; al secondo posto troviamo l’austriaco Markus Oszwald con l’amico australiano Brett Macnamara ed infine terzo il team Air Asia – Land Rover Filippine, padre e figlio, Mendiola.

 

 

 

Top Ten Overall Winners
Champion: Team 129 (Malaysia) Mervin Lim Wei Shiong /Hamizan Abdul Hamid: 2,353 pts. 
1st Runner Up: Team 137 (Austria/Australia) Markus Oszwald /Brett Macnamara: 2,337 pts. 
2nd Runner Up: Team 108 (Philippines) Larry Hilario Mendiola /Hiryan Mendiola: 2,302 pts. 
4th place: Team 151 (Australia) Peter Mihailoff /Clinton Sharpe: 2,290 pts. 
5th place: Team 139 (USA/Australia) Rod Caldwell /Aaron Ward; 2,210 pts. 
6th place: Team 127 (China) Ruan Ning /Deng Jin Yong: 2,025 pts. 
7th place: Team 111 (Malaysia) Too Chai Beng /Lee Beng Khoon: 1,986 pts. 
8th place: Team 138 (Malaysia) Wan Mahadi /Badrul Hisham: 1,938 pts. 
9th place: Team 150 (Australia) David Cameron /Daniel Dewit: 1,789 pts. 
10th place: Team 102 (Russia): Andrey Kurdakov / Andrey Smolyaninov: 1,710 pts.

Rainforest Challenge of Malaysia 14° edizione RFC of Malaysia 2011 3-12 dicembre 2011  [button size=”small” color=”blue” style=”tick” new_window=”true” link=”http://www.offroadweb.it/eventi/rainforest_challenge_malesia_2011/foto/index.html”]Photo On line[/button]

 Clicca qui per il reportage fotografico completo 

China Sanya International Rainforest Challenge 2011

CIRFC 18-24 Agosto 2011
Se la Dakar rappresenta la gara per eccellenza per i fuoristradisti amanti della velocità, il Rainforest Challenge è senza dubbio il più ambito traguardo per gli appassionati di fango, acqua e avventura. Fondato e diretto da Mr. Luis J.A.Wee il circuito RFC oltre all’evento “madre”,che si svolge ogni anno in Malesia, nel mese di dicembre, quando i Monsoni rendono tutto più arduo, comprende una serie di gare che si disputano in vari paesi, per selezionare gli equipaggi per il gran finale malesiano.
Uno di questi eventi si è svolto dal 18 al 24 agosto in Cina, più precisamente a Sanya, ridente città turistica dell’isola di Hainan; propaggine più meridionale della Repubblica Popolare Cinese. I 28 partecipanti, provenienti dalle varie nazioni asiatiche, hanno dato il via a questa sfida con due giorni di prologo che hanno permesso di definire l’ordine di accesso alla giungla.
L’elemento caratterizzante di questa terza edizione del China-Sanya International Rainforest Challenge è stata l’acqua presente sia sotto forma di pioggia che nei profondi guadi, fiumi o laghi che hanno contraddistinto le prove speciali ai bordi della foresta tropicale.

Tecnica, abilità di guida, preparazione del mezzo, in particolar modo il verricello meccanico, molto veloce nel recupero della macchina, sono stati gli elementi che hanno fatto la differenza e hanno designato il vincitore finale: La corona di alloro è andata a Tan Eng Joo e Tan Choong che hanno chiuso la competizione con 1573 punti, al secondo posto troviamo l’equipaggio, vincitore del Rainforest Challenge 2010, dello stato di Sarawak, est Malesia, con il pilota Chai Mui Shin navigato da Jong Ai Long; i punti da loro accumulati sono 1551; appena 14 punti di differenza dal vincitore, fatto che la dice lunga su come sia stata serrata la lotta per la leadership. Sul gradino più basso del podio, infine, è salito l’equipaggio composto da Liew Siak Kiong e Henry Chu, dello stato di Sabah, i quali hanno totalizzato 1475 punti.

China-Sanya Rainforest Challenge International RFC of China – Sanya CIRFC 18-24 Agosto 2011  [button size=”small” color=”blue” style=”tick” new_window=”true” link=”http://www.offroadweb.it/eventi/china_sanya_international_rfc_2011/index.html”]Photo On line[/button]

 

 Clicca qui per il reportage fotografico completo 

RFC Sri Lanka Taprobana 4×4 Challenge 7-14 ottobre 2011


Taprobana, l’atavica denominazione dell’isola indiana di Cylon, oggi nota a tutti come Sri Lanka, è il nome con cui i locali organizzatori del Four Wheel Drive Club, capitanato dal presidente Prashan T. Wijayanayake e da Sean Hameed, hanno voluto dare alla loro annuale competizione internazionale per ricordare orgogliosamente le proprie origini. Il 2011 segna inoltre un momento fondamentale per il Taprobana 4×4 Challenge in quanto è entrato ufficialmente a far parte del circuito mondiale del Rainforest Challenge di cui Sean Hameed è un assiduo frequentatore sia come competitor che come Marshall.
Dopo l’Italia e la Cina, ed in attesa dell’evento madre in Malesia, anche lo Sri Lanka ha portato nella grande famiglia dell’RFC la sua cultura, la sua gente ed il suo modo di fare fuoristrada, arricchendo, se ancora ce ne fosse bisogno, questa grande comunità mossa dallo spirito di gruppo e di avventura.

Presso l’hotel Field View di Colombo, dove si respirava appieno la vera atmosfera indiana, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della gara che è iniziata sabato 8 ottobre con una toccante cerimonia Buddista per proteggere i competitor, gli organizzatori ed i media durante la permanenza nella giungla. Il prologo si è svolto a Korothote Kaduwela, località a pochi chilometri dalla capitale, all’interno di una cava, affollata all’inverosimile da un numeroso pubblico, dove, a sorpresa, abbiamo assistito a delle speciali molto tecniche che hanno da subito messo alla prova sia i 26 equipaggi iscritti (tra i quali dei malesiani e degli australiani) che i veicoli. La vera avventura, quella che tutti anelavano nella giungla equatoriale, è iniziata il giorno seguente con il trasferimento della carovana verso il distretto di Monaragala, situato nelle terre di sud-est dell’isola indiana, dove in una radura tra la fitta vegetazione della foresta è stato allestito il primo campo.

Dopo i primi chilometri di questo viaggio attraverso la periferia di Colombo, il paesaggio è completamente cambiato offrendoci la vera natura di Cylon e toccando il suo culmine quanto è stato attraversato il parco naturale di Uda Walawe con i suoi imponenti elefanti e sconfinati spazi; panorami che sono rimasti immutati per tutta la durata della corsa. Intorno al campsite 1 si sono svolte alcune prove speciali, compresa una notturna, caratterizzate da passaggi su roccia altamente spettacolari. Per raggiungere il secondo bivacco, situato sulle rive del fiume Kumbukkah che sfocia direttamente nell’Oceano Indiano, è stato organizzato un trasferimento completamente immerso nella foresta vergine che ha affascinato e coinvolto emotivamente tutti quanti.

Qui, le ultime prove speciali si sono svolte sia lungo il corso d’acqua che all’interno della fitta vegetazione ed anche in questa occasione, è stato confermata la difficoltà delle prove con passaggi che non permettevano la minima distrazione. Conclusa questa indimenticabile esperienza, il 13 ottobre, la carovana dopo 12 ore di viaggio, di cui 6 nella giungla, ha raggiunto il Mont Lavinia Hotel, ex palazzo del governatore britannico ai tempi del colonialismo che si affaccia direttamente sull’Oceano indiano, di Colombo dove si è svolta la cerimonia di chiusura del Taprobana 4×4 Challenge e le relative premiazioni.

Come è avvenuto lo scorso agosto in quel di Sanya (Cina), ha dominato la gara l’equipaggio malesiano composto da Loo Foo Siong e Edward Benggon, il quale ha conquistato la vittoria finale ed il premio Team Spirit grazie ad una perfetta condotta di gara sin dal prologo; al secondo posto troviamo Siblings Jasilan navigato da Kasilan Saleh, entrambi dello stato malese di Sabah ed infine terzi Suresh Chathuranga e Raveendra Sanjeewa, equipaggio che ha “giocato” in casa.

 Clicca qui per il reportage fotografico completo