1ª Tappa WTI Valmozzola 7/8 aprile 2012

Pubblicato il 25 Aprile 2012 Categorie: Extreme Off Road
1 tappa valmozzola1 tappa wti1ª tappa WTI4x44x4 extremecampionato italiano di fuoristrada estremodead dogsDeadDogsEnte Nazionale Fiamma FuoristradaExtreme Off RoadFiamma FuoristradaFuoristrada Estremogara valmozzolaGare 4x4 extremeRiccardo Pisanitappa valmozzolaWarn Trophy Italia 2012WTI 2012

ORW di ORW

1ª Tappa del Campionato Italiano di Fuoristrada estremo Warn Trophy Italia 2012

Sabato 7 e Domenica 8 Aprile 2012 – Valmozzola (Parma)

Grafas-Donati, su Wrangler TJ (categoria “Limited 38”) del Team Ciani Renegade, e Protano-Del Sorbo, su proto tubolare (categoria “Extreme”) del Team Tekno Auto 4×4 , conquistano la vittoria nella prima tappa del Warn Trophy Itala 2012 svoltosi il 7 e l’8 aprile a Valmozzola (in provincia di Parma) – Il prossimo appuntamento è fissato a Varano de Melegari il 12 e 13 maggio.

Sono stati ancora una volta i suggestivi scenari di Valmozzola, in provincia di Parma, ad ospitare la prima tappa del Warn Trophy Italia 2012, campionato italiano di fuoristrada estremo organizzato dalla A.S.D. DeadDogs Promotion di Riccardo Pisani in collaborazione con l’Ente Nazionale Fiamma Fuoristrada. Alla due giorni motoristica, svoltasi nel week end del 7 e 8 Aprile, hanno preso parte 22 equipaggi, schierati fra “Extreme” e “Limited 38” (la nuova categoria che raggruppa off-road e swamper della scorsa stagione sportiva), protagonisti, sin dai primi chilometri di prove speciali, di una fra le tappe più impegnative di tutte le stagioni del Warn Trophy, giunto quest’anno alla sua settima edizione. A conquistare la vittoria sui tracciati parmensi sono stati Enrico Grafas e Paolocarlo Donati su Wrangler TJ 4.0 con i colori del Team Ciani Renegade (Limited 38) davanti a Ciani-Naticchioni (Ciani Renegade Rosso) e Dolfi-Baroni (Team Dolfi) mentre il podio dell’Extreme è andato a Andrea Protano e Francesco Del Sorbo su proto tubolare del Team Tekno Auto 4×4 davanti a Brandimarte-Ferranti (Team BDS) e a Vento-Bondi (Team Acerni). Una prima di campionato fra le più agguerrite degli ultimi anni che in tutte e 8 le prove speciali (5 disputate il sabato e 3 la domenica) ha ben evidenziato non solo l’ottimo livello di preparazione tecnica raggiunta dai mezzi in gara, sempre più affidabili e performanti, ma anche il perfetto affiatamento fra piloti e navigatori che ha permesso di raggiungere risultati di tutto rilievo. Fra gli iscritti alla “Limited 38” (con limite massimo di 96 centimetri di diametro per pneumatici) non sono mancate importanti new entry rispetto alla scorsa stagione del Warn Trophy Italia fra cui Marco Ferrari & Alessandro Camellini, con proto motorizzato Land Rover Defender 200TDI per il Team Protozoico, protagonisti di un debutto davvero eccellente sui difficili tracciati parmensi (anche se non in classifica per pneumatici fuori misura); Filippo Dolfi e Jacopo Baroni su Jeep Wrangler, ottimi terzi classificati nella generale grazie ad una manche ben amministrata; Marco & Andrea Giosso su Jeep Wrangler che, nonostante uno spettacolare capottamento sulla PS di Marte nella giornata di sabato, hanno saputo sapientemente recuperare il tempo perso conquistando un importante quarto piazzamento nella generale. Nella categoria “Extreme” si sono schierati team ed equipaggi fra i più prestigiosi di questa specialità motoristica che ancora unavolta hanno confermato la loro preferenza per il campionato italiano di fuoristrada estremo organizzato da Riccardo Pisani. Allo start di Valmozzola si sono sfidati Francesco Nano-Marco Magnani con il nuovo proto tubolare del Team Doc Crawler; Brandimarte-Ferranti per il Team BDS; Salvatore Vento-Nicola Bondi con il tubolare dell’Acerni Racing; il Team Tekno Auto 4×4 in gran forze con ben 4 equipaggi (Protano, Morsillo, Santagata e Spadari).

Cinque i settori selettivi protagonisti delle performance acrobatiche dei piloti e co-driver nella giornata di sabato 7 Aprile, in gran parte modificati rispetto allo scorso campionato con l’apertura di nuove varianti adatte all’evoluzione tecnica di fuoristrada e prototipi. Fra le PS più tecniche ed impegnative, ancora una volta quella sulla famigerata sassaia di “Marte” ha dato filo da torcere a team “Extreme” e “Limited 38” che si sono esibiti in acrobazie al limite del ribaltamento: capottamenti (Team Spider TJ e Team Giosso fra gli altri) e manovre a doppio winch hanno accompagnato la prova per eccellenza fra le rocce di Valmozzola. Fra la categoria “Limited 38”, ottima performance per Enrico Grafas, navigato da Lopez, che nei settori selettivi 2 e 3 ha conquistato i migliori tempi assoluti assicurandosi così un primo piazzamento nella provvisoria di sabato. Assolutamente di spicco anche le manche del Team Ciani Renegade Rosso (miglior tempo nella PS 5 con 13’34”), del Team Orzetti (miglior tempo nelle PS 1 vanificato purtroppo nella generale provvisoria per il ritardo nella prova 3 a causa della batteria del Wrangler andata in corto circuito) e del Team Protozoico (Marco Ferrari) che nella speciale 4 ha fatto registrare uno strepitoso primo piazzamento completando il tracciato in 4’33”. Prima giornata di gara ben amministrata anche dall’altro equipaggio del Team Protozoico, composto da Luca Fontani e Simone Bedeschi, così come da Juba No Limits (Wolmer Ducci e Eros Gibertini) e Offroad Garage (Marco e Matteo Molteni) su Wrangler. Qualche problema invece per Girolamo Rocca, navigato dal figlio Mario, che nonostante un’ottima performance sulla prova di Marte alla guida del TJ è stato poi attardato a poche decine di metri dal traguardo finale dalla rottura del cavo del verricello (ben 5 volte!) che ha contribuito al ribaltamento del Wrangler. Sfortunata anche la prova del Team Goe Secche: rottura di giunti e supporto del riduttore hanno rallentato la gara di Gianni Penna e Rudi Tuffanelli, autori comunque di una buona performance nella PS 2. Decisamente agguerrita la prima giornata di Valmozzola anche per gli equipaggi “Extreme” con Andrea Protano e Francesco del Sorbo ben intenzionati a conquistare la vittoria di tappa sin dai primi chilometri di prova: l’equipaggio della scuderia di Frosinone ha staccato i migliori tempi nei settori 1, 3 e 5 ipotecando così un podio finale più che meritato. A contendere a Protano-Del Sorbo la pole nelle speciali di sabato non si è fatto attendere un altro equipaggio protagonista di questa prima tappa del Warn Trophy Italia 2012: Ivan Brandimarte e Massimiliano Ferranti su tubolare con telaio Jimmy’s 2008 (Team BDS) che si sono aggiudicati le prove 2 (26’17”) e 4 (8’44”) anche se con qualche problema alle sospensioni ancora da risolvere. Assolutamente di spicco anche la manche di Salvatore Vento e Nicola Bondi (Team Acerni Racing) che nonostante due cappottamenti hanno conquistato il miglior piazzamento nella prova 3 a pochi secondi da Protano. Buone performance per Alberto Santagata, navigato da Danilo Santilli, e per Francesco Morsillo-Alessandro Liburdi (entrambi equipaggi con i colori della scuderia Tekno Auto 4×4) che hanno fatto registrare tempi interessanti soprattutto nel settore selettivo 4. Tre invece le PS che hanno impegnato piloti e co-driver nella giornata di domenica 8 Aprile. Due tempi da record su tre (12’27” e 10’45”) nelle PS 6 e 7 hanno confermato le ottime performance del proto Tekno Auto 4×4 in gara con il numero 23: per Protano & Del Sorbo le due nuove pole conquistate hanno accompagnato direttamente sul gradino più alto del podio di questa tappa di Valmozzola che li ha visti al traguardo finale in 2 ore e al comando della generale con 20 punti. “Spettacolare! L’unica parola adatta per descrivere questa gara”, commenta Andrea Protano, “per noi, e immagino anche per gli altri equipaggi, è stata davvero molto impegnativa sia dal punto di vista fisico che mentale. Prove molto tecniche e con ostacoli insormontabili.

Gli avversari agguerriti hanno fatto il resto. La gara più bella in assoluto di tutta la mia carriera sportiva! Al secondo posto della classifica “Extreme” si sono piazzati Brandimarte-Ferranti(con 2h 37’17”) dimostrando così di essere più che intenzionati a dare battaglia per conquistare la vittoria di questa stagione di fuoristrada estremo. Medaglia di bronzo (meritatissima) per Salvatore e Nicola del Team Acerni che, grazie anche al miglior tempo nella PS 8 (13’33”), sono terzi nella generale con 14 punti. A completare la classifica: Santagata quarto con un tempo totale di 3h 55’16”, Morsillo quinto (6h 23’59”), Doc Crawler sesto (6h 41’28”) e Spadari settimo (7h 00’49”). Tra le fila della “Limited 38” ad aggiudicarsi la vittoria assoluta è stato invece Enrico Grafas (autore anche di uno strabiliante tempo 3’18” nella PS 6) con i colori del Team Ciani Renegade che ha concluso la due giorni off-road in 55’21”. Al secondo posto Ciani-Naticchioni su Suzuki 1.6 (primo tempo nella PS 7) al finish in 1h 00’51”, ora nella generale con 17 punti mentre terzo piazzamento è andato a Filippo Dolfi e Jacopo Baroni che hanno tagliato il nastro di arrivo in 1h 21’27” (scavalcando nell’assoluta Marco Ferrari del Team Protozoico non in classifica per pneumatici fuori misura per la Limited 38). A completare la top five Giosso-Giosso e Juba No Limits davanti a Offroad Garage, Team Protozoico e Fulminati.

Questa prima tappa della stagione 2012 è stata in assoluto la più dura di tutta la storia del Warn Trophy Italia: le prove speciali oltre ad essere molto tecniche nella guida e nell’uso del winch hanno richiesto agli equipaggi una particolare attenzione nella fase di ricognizione pre gara per evitare di incappare nelle insidie nascoste fra i vari passaggi”, commenta soddisfatto Riccardo Pisani, “un errore di valutazione nel percorso da seguire poteva costare decine di minuti di ritardo.
I team in gara si sono comportati decisamente bene….qualche test di messa a punto dei nuovi prototipi e poi direi che questa nuova stagione WTI si preannuncia come una delle più agguerrite di sempre!

Prossimo appuntamento con il Warn Trophy Italia il 12 e 13 Maggio a Varano de Melegari (Parma) per la seconda tappa della stagione 2012. Per informazioni: www.deaddogs.it A.S.DeadDogs ringrazia gli sponsor 4Technique, Geta s.r.l., Orap, Traction 4×4, Equipe 4×4, Go Pro, OMP Racing, SRM Garage; l’Amministrazione Comunale e il sindaco di Valmozzola Claudio Alzapiedi per i permessi e le autorizzazioni per lo svolgimento della gara; Laura, Elena, Alberto, Flavio, Paolo, Ruggero, Matteo e Riccardo per la realizzazione e la gestione della manche.

scarica il comunicato stampa della gara con la classifica 

Classifica WTI 2012 dopo la 1° tappa di Valmozzola

EXTREME: Team Tekno Auto 4×4 Protano 20 punti; Team BDS Brandimarte 17 pt; Team Acerni Salvatore 14 pt; Team Tekno Auto 4×4 Santagata 10 pt; Team Tekno Auto Morsillo 7 pt; Team Doc Crawler 4 pt; Team Tekno Auto 4×4 Spadari 1 pt.

LIMITED 38: Team Ciani Renegade Verde 20 punti; Team Ciani Renegade Rosso 17 pt; Team Dolfi 14 pt; Team Giosso 10 pt; Team Juba No Limits 7 pt; Team Offroad Garage 4 pt; Team Protozoico, Team Fulminati, Team Adventure Trocia, Team Orzetti, Team Jimmy Ridimmi, Team Spider TJ e Team Goe Secche 1 pt.

 Clicca qui per il reportage fotografico completo

[youtube id=”PuoDcAmlX3E” width=”620″ height=”360″]

[youtube id=”RU61f-f59v0″ width=”620″ height=”360″]