Saturday 18th November 2017,
OFF ROAD WEB

JEEP CHEROKEE XJ SPORT 2.5 by Michele Giannetti

JEEP CHEROKEE XJ SPORT 2.5 by Michele Giannetti

JEEP CHEROKEE XJ SPORT 2.5 by Michele Giannetti 
Considerato dagli appassionati di off road tra i fuoristrada “duri e puri” più ammirati ed apprezzati nel panorama motoristico mondiale, il Cherokee XJ motorizzato 2.5 è uno dei 4×4 leggendari prodotti dal marchio americano Jeep. Confortevole ed elegante come una berlina ma con tutti i vantaggi di un vero fuoristrada, questo XJ Sport, prodotto nel 1997 in 259 mila esemplari, è stato protagonista di un importante restyling richiesto dalla Casa Madre per rimodernarne carrozzeria ed interni grazie a linee decisamente più morbide. Robusto e affidabile, l’XJ ha dimostrato di essere perfettamente a suo agio non solo sull’asfalto ma anche nell’off road più impegnativo nonostante misure non proprio compatte (4,30 mt di lunghezza per 1,80 mt di larghezza).

A trasformare uno Sport 2.5 originale in un 4×4 adatto a percorsi trial con assetto rialzato, pneumatici tassellati, paraurti rinforzati e bull bar ci ha pensato Michele Giannetti, classe 1979, appassionato di sport estremi fra cui soft air, arrampicata, trekking e mountain bike oltre che di motori e off road. “Un difetto del Cherokee? I ponti da sostituire sia all’anteriore che al posteriore con dei più robusti Dana 44 – spiega il proprietario – Per il resto l’XJ è un gran bel fuoristrada spazioso, affidabile e con un’ottima guidabilità sull’asciutto e sul fango anche se qualche cavallo in più non guasterebbe!”.

Al via del raduno internazionale di Gradisca così come sui tracciati marchigiani di San Settimio, sulla pista da trial di Ferrara e sulle colline di Bologna e provincia, questo 2.5 di casa Jeep ha percorso più di 5 mila km di puro off road fra boschi, guadi e sterrati di mezz’Italia. Ad occuparsi dell’allestimento interno ed esterno del Cherokee, realizzando artigianalmente quasi tutti gli accessori necessari per equipaggiarlo in stile racing, è stato proprio il preparatore romagnolo che ha fatto del 4×4 americano un perfetto compromesso fra berlina e sport vehicle. “L’assetto scelto per l’XJ è adatto a percorsi misti e trialistici anche se un ulteriore rialzo di 7/8 cm ne permetterebbe una mobilità migliore senza per questo compromettere la stabilità del baricentro – conclude Giannetti che alla guida del suo 4×4 collabora con Protezione Civile e Nucleo Sommozzatori di Imola – Molle ed ammortizzatori copiano bene le asperità del terreno rendendo la guida confortevole anche in fuoristrada.

I consumi di carburante non sono eccessivi mentre i pezzi di ricambio originali sono piuttosto costosi e difficilmente reperibili come usato dai demolitori”. Ma vediamo in dettaglio modifiche ed interventi realizzati su questo 5 porte del marchio americano testato e fotografato sulle colline bolognesi e nell’Officina Pirazzoli di Toscanella (Via Morandi, 180 – Bo) specializzata in preparazioni off road.

Motore originale da 115 cavalli
Propulsore turbo diesel per questo 115 cavalli di casa Jeep alimentato da motore 2499 cc della ferrarese VM, al momento ancora completamente di serie nonostante qualche cavallo in più, soprattutto sul veloce, sarebbe utile per renderlo ancora più performante. Unica modifica apportata a questa versione Sport dell’XJ, la sostituzione della batteria originale da 80 ampere con una modello Artic – specifica per le basse temperature – con amperaggio maggiorato da 100 volt. Con picco di coppia fra 300 e 340 Nm a 2000 giri/minuto, questo passo lungo – con 4 cilindri in linea – dimostra non solo di essere affidabile e robusto ma anche grintoso e scattante nonostante peso e dimensioni non poco ingombranti che lo caratterizzano.

Un 2.5 dal look aggressivo
Total black con rifiniture in mandorlato per il look aggressivo di questo Cherokee motorizzato 2.5 che si presenta con accessori off road – paraurti, bull bar e snorkel – in nero opaco. Per sostituire il paraurti anteriore di serie è stato scelto un ARB in acciaio 5 mm abbinato ad un resistente bull bar, sempre in inox ma da 3 mm, predisposto per ospitare il verricello, un Warn modello 9000 con cavo tessile Dyneema da 30 metri e grill per strop. Per proteggere il radiatore del Cherokee da sassi e fango è stata poi modificata la mascherina originale che al posto della griglia a lamelle ha visto l’installazione di una rete elettrosaldata in inox con disegni a rombo. Costruito artigianalmente lo snorkel in acciaio 6/10 fissato al montante del lato passeggero con apposite staffe rivettate: per collegare quest’impianto aggiuntivo di aspirazione al filtro dell’aria il preparatore ha utilizzato un robusto tubo corrugato in teflon adatto alle alte temperature alloggiato nell’intercapedine sopra il passaruota e il vano motore. Per migliorare l’illuminazione anteriore nell’off road notturno così come nell’allestimento dei campi, Giannetti ha scelto di installare 5 fari da 55 watt l’uno fissati direttamente sul portapacchi: di forma rettangolare, i punti luce supplementari sono orientabili e richiudibili verso il basso come richiesto dalle vigenti norme di circolazione. Home made il robusto portapacchi in alluminio mandorlato con spessore 3 mm (e mandorla da 5) fissato al tetto del Cherokee grazie a 6 piastre di attacco – tre per lato – prese da una Fiat Panda. Fra gli accessori posizionati sul portapacchi, l’immancabile binda Hi-Lift alta 150 cm, fissata con un’apposita piastra di sostegno. A completare il look sobrio ma aggressivo del 2.5 ci sono il paraurti posteriore e i parafanghi aggiuntivi, entrambi progettati nell’officina di casa. Al retrotreno è stato adottato un paraurti sagomato ai lati costruito in acciaio 5 mm su cui sono state realizzate alle estremità due scritte Jeep con taglio al laser: più pesante rispetto all’originale, il nuovo paraurti garantisce però un miglior angolo d’attacco all’XJ soprattutto nell’off road più impegnativo. Infine per rendere più funzionali le 4 protezioni laterali sopra i passaruota sono stati applicati dei parafanghi in plastica morbida adatti a contenere maggiormente schizzi di fango e terra.

Allestimento interno per tutte le esigenze
Non manca veramente nulla all’allestimento interno di questo modello Jeep che nel vano bagagli ha il suo fiore all’occhiello. Se l’abitacolo anteriore è in stile racing con sedili sportivi reclinabili by Pilot e radio CB Midland con microfono esterno e antenna calamitata, il bagagliaio ospita tutta l’attrezzatura indispensabile per l’off road fra cui spicca il semplice ma innovativo serbatoio supplementare per l’acqua. Realizzato utilizzando una tanica carburante da 20 litri, adeguatamente trattata con antiruggine, il serbatoio è dotato di due attacchi rapidi da compressore, uno di mandata per fornire pressione e l’altro in uscita per permettere l’afflusso dell’acqua, il tutto completato da un regolatore di pressione che ne determina la potenza del getto. Con questo sistema si può così utilizzare anche una doccia, fissata alla carrozzeria o al paraurti con una piastra calamitata, che collegata al serbatoio e al compressore monocilindrico eroga acqua fredda. Fra i prossimi interventi da realizzare, l’installazione di un Webasto ad acqua che opportunatamente collegato al serbatoio permetta di avere acqua calda. Il vano bagagli ospita poi una cassettiera in legno con pannelli dello spessore di 2 cm dotata di tre scomparti e di cerniere di chiusura: al suo interno trovano spazio ricambi e accessori per il fuoristrada tra cui set chiavi inglesi, crick idraulici, ripara gomme, fusibili e minuteria. Sul lato destro del bagagliaio sono stati posizionati l’inverter da 300 watt e il compressore ARB alloggiato nel vano sopra il passaruota utilizzato per azionare il blocco anteriore e posteriore e l’erogazione dell’acqua. Per attivare il monocilindrico non poteva mancare la pulsantiera on/off fissata nel cubby box fra i due sedili grazie ad una piastra in alluminio rivestita in carbonio. Grande attenzione anche per le dotazioni di sicurezza con un pratico estintore da 2 kg fissato sul lato sinistro del bagagliaio e alla valigetta di pronto soccorso per le emergenze sempre a portata di mano. Al centro dell’abitacolo posteriore sono state alloggiate la ruota di scorta e la pala in alluminio mentre sul cruscotto del Cherokee trovano spazio GPS e impianto video stereo con monitor LCD a 7 pollici per un tocco high tech.

Pneumatici, sottoscocca e sospensioni 
Per affrontare al meglio i percorsi off road più hard il preparatore ha scelto di equipaggiare questo 4×4 con pneumatici aggressivi e da estremo dotati di ottimo drenaggio sul fango, caratteristiche ritrovabili nelle coperture Shark della Tagom Tires qui nella misura 235/75 R15. I 5 pneumatici sono montati sui cerchi in ferro di una Jeep Wrangler. Per quanto riguarda il sottoscocca al momento si è deciso di adottare soltanto una piastra di protezione per il serbatoio carburante: realizzata in alluminio mandorlato da 3 mm, è stata sagomata e fissata al telaio con staffe laterali per permetterne anche l’utilizzo come slitta nell’off road. Grande attenzione è stata poi dedicata al reparto sospensioni dove Giannetti è intervenuto sostituendo molle ed ammortizzatori di serie con dei più performanti Old Man Emu con rialzo + 4 pollici abbinando al posteriore balestre da carico pesante a cui è stato aggiunto un ulteriore foglio lamellare. Gli ammortizzatori, sia all’anteriore che al posteriore, sono dei Nitrocharger con gas speciale a bassa pressione e a doppia camera di protezione. A disco i freni all’avantreno e a tamburo quelli al retrotreno anche se è in programma di adottare al posteriore gli stessi freni dell’anteriore. Fra le prossime modifiche da realizzare sul Cherokee ci sono la sostituzione dei puntoni originali con altri rinforzati e lo spostamento della scatola del cambio da collocare in una posizione più protetta mentre per il reparto assetto si potrebbe intervenire con l’adozione di uno step OME che permetta il rialzo del fuoristrada di altri 7/8 cm.

 

Like this Article? Share it!

About The Author

Leave A Response