Up ORW 4x4 - Off Road Web » Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti Slideshow

Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti

Testo e Foto di Sonja Vietto Ramus - Photo and Press Agent  Condividi questa pagina sulla tua bacheca di facebook condividi questa pagina su Facebook

Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (1)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (2)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (3)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (4)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (5)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (6)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (7)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (8)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (9)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (10)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (11)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (12)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (13)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (14)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (15)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (16)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (17)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (18)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (19)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (20)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (21)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (22)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (23)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (24)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (25)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (26)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (27)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (28)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (29)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (30)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (31)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (32)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (33)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (34)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (35)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (36)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (37)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (38)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (39)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (40)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (41)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (42)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (43)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (44)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (45)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (46)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (47)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (48)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (49)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (50)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (51)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (52)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (53)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (54)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (55)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (56)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (57)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (58)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (59)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (60)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (61)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (62)
Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti (63)
Immagini totali: 63 | Forum ORW 4x4 | Testo e Foto di Sonja Vietto Ramus - Photo and Press Agent | Generato da Lucy di Off Road Web | Aiuto
 

Testo e Foto di Sonja Vietto Ramus - Photo and Press Agent  Condividi questa pagina sulla tua bacheca di facebook condividi questa pagina su Facebook

  

Testo e Foto di Sonja Vietto Ramus - Photo and Press Agent

tel. +39 333 3612248

Sat. +88 216 50360520

sonja.vietto@gmail.com

 

Elaborazione 4x4 Suzuki SJ413 by Lorenzo Menetti

Performante, grintoso ed estremamente maneggevole. Come a dire: nato per l’off road. Equipaggiato ed allestito in versione pick up dal bolognese Lorenzo Menetti, da tre anni proprietario/preparatore di questo SJ413, il 3 porte di casa Suzuki si è dimostrato così a suo agio su tracciati hard e piste sterrate tanto da partecipare ad una gara del Campionato Italiano Trial 2010 organizzato dalla Federazione Italiana Fuoristrada. Un esordio di tutto rispetto quello nella stagione sportiva in corso che ha convinto Menetti a migliorare alcuni dei punti deboli (ben pochi a dire la verità!) dell’SJ per poter così partecipare a tutto il campionato motoristico – specialità trial – nel 2011. Con i 90 cavalli erogati dal motore 1.6 derivato da un Vitara 8 valvole a iniezione (con cui è stato sostituito il 1.3 a carburatore originale), questo Suzuki ha guadagnato in potenza grazie anche ad alcuni altri accorgimenti tecnici fra cui l’installazione, al posto di quello di serie, di un filtro sportivo in carbonio ad alto rendimento che ne migliora decisamente l’accelerazione. Assettato con ammortizzatori Zanfi (stessa azienda che ha fornito albero di trasmissione, kit shacle-reverse, slitta para riduttore, bloccaggio differenziale permanente….), per il tre porte Suzuki il preparatore ha scelto accessori e ricambi delle migliori aziende italiane e straniere fra cui Old Man Emu (per le balestre), Traction 4x4 (giunti omocinetici a 26 cave), ARB (blocco), DG Tuning (body lift) e Raptor che si è occupata principalmente della costruzione del roll bar in acciaio tubolare. Difetti e pregi dell’SJ? “Sicuramente il poco sterzo dovuto ai giunti omocinetici maggiorati che in fase di sterzata toccano la sede del ponte oltre al blocco del differenziale posteriore permanente che crea qualche difficoltà nelle manovre strette soprattutto quando ci si trova in contro pendenza – spiega Menetti – Fra i pregi invece l’assetto morbido che, legato alla leggerezza del Suzuki, fa sì che nei passaggi off road l’SJ sia molto performante a discapito invece della guidabilità su strada che risulta più instabile. Anche l’adozione del nuovo motore 1.6 ha migliorato e non poco le prestazioni di questo 4x4 sia in termini di potenza che di linearità di erogazione dovuti all’iniezione con un aumento della coppia anche ai bassi regimi”. Come ogni fuoristrada che si rispetti, anche questo pick up made in Japan è in costante evoluzione tant’è che sono già in programma interventi di miglioria come spiega il proprietario: “Sono in preparazione dei nuovi ponti di derivazione Samurai, più lunghi rispetto agli attuali di 8 cm, su cui verranno apportate alcune modifiche. Al posteriore, rinforzato, sarà abbinato un sistema traente di semiassi che, abbinati a nuovi supporti ruota, permetteranno di montare mozzi anteriori con specifici dischi freni e pinze. A completare il retrotreno ci sarà la sostituzione del blocco fisso con uno pneumatico di casa ARB. Si andrà poi a modificare il ponte anteriore lavorando all’interno delle sedi dei giunti omocinetici per risolvere gli attuali problemi di sterzata risaldando anche gli attacchi del ponte con un’inclinazione diversa rispetto a quella attuale”. Ecco in dettaglio tutto ciò che c’è da sapere sulla preparazione di questo passo corto di casa Suzuki con verve corsaiola.

Motore da 90 cavalli e trasmissione rinforzata

Sull’SJ del 1989 motorizzato di serie 1.3 cc, 8 valvole a carburatore, il preparatore ha scelto di installare un più performante propulsore 1.6 cc ad iniezione di derivazione Vitara che permette ora al 4x4 di casa Suzuki di erogare una potenza di 90 cavalli: al nuovo motore sono state inoltre abbinate centralina originale e cablaggio elettrico del Vitara stesso adattati e modificati “ad hoc” per il 413. Per garantire un maggiore incremento di potenza, il filtro aria originale del Suzuki è stato sostituito con uno di marca BMC, a cono intubato, realizzato in carbonio e completo di manicotti siliconici: lavabile e ad alto rendimento, questo filtro sportivo grazie alle sue caratteristiche tecniche è particolarmente adatto su 4x4 che richiedono migliorie in fase di accelerazione. Si è poi provveduto a spostare l’impianto di aspirazione, alloggiato originariamente nel vano motore, all’interno dell’abitacolo del tre porte. Visto l’utilizzo decisamente racing di questo SJ si è optato per l’adozione di una frizione sinterizzata e con spingidisco rinforzato distribuita dalla Centerforce. Il cambio è rimasto invece quello originale mentre il riduttore, equipaggiato con il kit di ingranaggi delle super ridotte 4.16:1 della Traction 4x4, è stato rinforzato esternamente grazie all’istallazione di una slitta by Zanfi.it, fornita di appositi supporti, per proteggerlo dagli urti. Per permettere l’alloggiamento della piastra para colpi è stato necessario modificare artigianalmente il tamburo del freno a mano che nell’SJ è collocato di serie in uscita dal riduttore. Di costruzione “home made” la flangia di accoppiamento motore-cambio. Fra gli altri interventi realizzati sull’SJ413, l’aggiunta dell’idroguida realizzata combinando e adattando fra loro alcuni componenti ad iniziare dalla scatola guida derivata da una Opel Omega (decisamente più robusta rispetto a quella del Vitara) a cui è stata modificata su misura la pitman-arm mentre per la pompa dell’olio se n’è scelta una sempre di derivazione Vitara. Per ottimizzare l’uscita dei gas di scarico si è infine provveduto a ricostruire totalmente l’impianto utilizzando un collettore della Calmini 4-2-1 completo di scarico di costruzione artigianale con tubazione diametro 40 mm e silenziatore centrale con uscita lato guida preso da un Land Rover Defender. Per il reparto trasmissione, se l’albero posteriore è rimasto originale, sull’anteriore si è deciso invece di intervenire scegliendo di installarne uno rinforzato e con maggiore corsa prodotta dalla Zanfi, più lungo di 4 cm rispetto a quello in dotazione di serie.

Allestimento interno ed esterno

Essenziale ma decisamente racing l’interno di questo tre porte di casa Suzuki che si presenta con un cruscotto completamente modificato con l’adozione, anche in questo caso, del gruppo strumentazione di derivazione Vitara così come per l’impianto elettrico su cui si è intervenuti integrando le parti mancanti con altre costruite artigianalmente su misura. Al centro della plancia, su di un supporto in alluminio spessore 2 mm, ci sono i comandi on/off per azionare compressore e bloccaggio differenziale posteriore ARB. A completare la strumentazione non mancano l’indispensabile ricetrasmittente CB con antenna (fissata all’apposito supporto posizionato sullo sportello posteriore del pick up) e l’impianto stereo marca Sony con casse laterali. I sedili sportivi anteriori sono dei Simoni Racing con schienale regolabile, montati sulle guide scorrevoli in dotazione modificate con alcuni componenti home made mentre i posteriori sono stati completamente eliminati. A 4 punti le cinture della Sparco fissate anteriormente agli attacchi originali dell’SJ413 e posteriormente direttamente alla scocca tramite fazzoletti di lamiera rinforzati. In sostituzione del volante di serie se n’è scelto uno a calice in pelle nera con inserti in alluminio, con diametro inferiore rispetto a quello originale: tutto Simoni Racing con mozzo e copri mozzo by Sparco. Per la pedaliera il preparatore ha scelto un kit Lampa modello “Imola” in lega di alluminio con inserti interni in gomma antiscivolo. Particolare attenzione è stata poi dedicata alle dotazioni di sicurezza che hanno portato all’installazione di un robusto roll bar interno di fabbricazione Raptor: la struttura tubolare, con diametro 50 mm, vincolata alla scocca con 6 punti di ancoraggio ulteriormente rinforzati con supporti in lamiera, è stata completata con l’aggiunta, sopra i sedili anteriori, di una piastra in alluminio (spessore 3 mm) a garanzia di una maggiore protezione per pilota e co pilota in caso di ribaltamento nell’off road più estremo. La scocca, fissata al telaio con un body lift di 5 cm della DG Tuning, ha subito un profondo intervento di restauro: completamente sverniciata all’interno, ha visto la sostituzione di tutte le parti in lamiera arrugginite per poi essere completata con uno strato di vernice antiruggine e uno di vetroresina. All’anteriore è stato installato un paraurti (sempre by Raptor) sagomato realizzato con elementi tubolari di diametro 75 mm completo di verricello, in questo caso un Mile Maker 9000 lb con cavo in acciaio da 30 metri e rulliera guida cavo. Sostituito anche il paraurti posteriore che ora si presenta con un robusto tubolare dalla linea essenziale realizzato artigianalmente con diametro 75 mm.

Sospensioni, sottoscocca e sterzo

Il reparto sospensioni è quello che, assieme al sottoscocca, ha subito la trasformazione più radicale e che di conseguenza caratterizza maggiormente questo SJ. Sia all’anteriore che al posteriore il preparatore ha scelto degli ammortizzatori + 3 pollici della Zanfi: bitubo olio e gas, hanno fermo interno di ritorno in gomma e sono completamente revisionabili. Al retrotreno è stato installato un kit shacle-reverse (sempre by Zanfi) che ha permesso di spostare l’alloggiamento del biscottino nella parte posteriore della balestra stessa: grazie all’interasse maggiorato dei fori di supporto, specifico di questo kit, è stato possibile adottare per l’SJ413 delle balestre posteriori più lunghe di 6 cm rispetto a quelle originali. Sia l’anteriore che il posteriore monta delle Old Man Emu + 5 cm a 6 fogli abbinate a biscottini boomerang + 60 mm, necessari questi ultimi per ripristinare il corretto angolo di lavoro delle balestre maggiorate. Fra ponte e balestra è stata poi inserita una piastrina in alluminio realizzata artigianalmente per spostare il ponte anteriore in avanti di circa 3 cm (assicurando così un avanzamento totale di 6 cm) che, oltre ad evitare che il pneumatico vada a toccare il passaruota durante i twist, migliora anche notevolmente l’angolo di attacco del Suzuki. Per correggere il riposizionamento del ponte sono state sostituite le slitte originali a cui sono fissati gli ammortizzatori scegliendo uno specifico kit by Zanfi. Sul ponte anteriore si è intervenuti infine con l’installazione di un blocco del differenziale ARB a 26 cave a cui sono stati abbinati semiassi e giunti omocinetici rinforzati a 26 cave della Traction 4x4 in sostituzione degli originali. Per il ponte posteriore si è invece optato per un bloccaggio differenziale permanente (Zanfi) realizzato con trattamento termico. A completare l’assetto sono delle performanti Trial Extreme della Lerma Gomme nella misura 235/75 R15 montate su cerchi in acciaio. In alternativa il preparatore sceglie delle Supercross by Tagom 7.00 R16. Modifiche infine anche per il reparto sterzo dove le barre in dotazione di serie sono state sostituite con altre rinforzate in acciaio e con giunti ingrassabili.

Copyright © 2000 - 2011  All Rights Reserved  Off Road Web - Mercato Usato 4x4 - Forum 4x4 - Gallery Off Road Web - Directory 4x4 Web Links